Sulla Esa sale a bordo il primo astronauta con disabilità, John McFall. “La scienza e lo spazio sono per tutti”.

L’Esa ha deciso di entrare a far parte di un progetto che vede l’inclusione delle persone disabili, non più viste come un vincolo in determinati settori. Oggi, a dare l’annuncio è stato lo stesso John McFall, al termine della ministeriale Esa 2022 a Parigi, nel corso della cerimonia di presentazione della nuova classe astronauti dell’Agenzia Spaziale Europea.

Sbarco sulla luna
Sbarco sulla luna

Al termine della ministeriale Esa 2022 a Parigi, nel corso della cerimonia di presentazione della nuova classe astronauti dell’Agenzia Spaziale Europea, è stato annunciato l’ingresso del primo astronauta disabile della storia: John McFall. “Spero di poter essere di ispirazione per altre persone con disabilità”, ha detto, aggiungendo che la sua nomina dimostra che “la scienza e lo spazio sono per tutti”.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Progetto di inclusione

McFall è britannico e prenderà parte a un progetto per sviluppare opzioni per l’inclusione di persone con disabilità fisiche nel volo spaziale umano e possibili missioni future. L’Agenzia spaziale europea (Esa) ha selezionato 5 nuovi astronauti (2 donne e 3 uomini), oltre a McFall, il primo parastronauta con disabilità.

I loro nomi sono stati presentati a Parigi dal direttore generale Joseph Aschbacher. I cinque astronauti di carriera, che si addestreranno per le future missioni spaziali, sono: Sophie Adenot (Francia), Pablo Álvarez Fernández (Spagna), Rosemary Coogan (Gran Bretagna), Raphaël Liégeois (Belgio), Marco Sieber (Svizzera). 

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 24-11-2022


Fine settimana di pioggia, maltempo al Sud

Musk chiude ufficio a Bruxelles, Ue preoccupata