Conferenza stampa di Max Allegri della vigilia del match d’andata tra Fiorentina-Juventus, le parole del tecnico bianconero.

L’allenatore della Juventus, Max Allegri parla in conferenza stampa in vista del match di domani contro la Fiorentina. Inizia parlando di come arriva alla sfida: “Vediamo quelli che ho a disposizione, poi ho 3/4 ragazzi pronti a giocare, qualcuno dall’inizio e qualcuno a partita in corso. E’ un bel test per noi, una semifinale di Coppa Italia, poi a Firenze è sempre bello giocare.”

Aggiunge: “Dovremo farci trovare pronti. E’ un passaggio che si gioca su due partite, conta ancora il gol in trasferta quindi domani sarà importante farlo”.

I molti infortuni dei bianconeri, viene chiesto se è preoccupato. “Non sono assolutamente preoccupato, perché tanti sono traumatici. Abbiamo giocato tante partite. Giovedì Dybala e Bernardeschi saranno a disposizione per domenica, Rugani va molto bene e lo valuteremo. Alex Sandro ne ha ancora per 10 giorni. Zakaria speriamo di averlo a disposizione per il ritorno col Villarreal, Chiellini è ancora fuori. Poi Chiesa e Kaio Jorge sono quelli più di lungodegenza”.

Massimiliano Allegri
Massimiliano Allegri

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le indicazioni sulla formazione bianconera.

Il tecnico della Juventus parla di chi ci sarà domani: “De Sciglio sì, Bonucci è due giorni che è a completo riposo. Sabato ha giocato una buona partita, e soprattutto rientrava dopo tanto tempo. Aveva giocato a Bergamo, uscendo malconcio, a Empoli ha stretto i denti, ha giocato fino alla fine, e bisogna che riposi per forza.”

Aggiunge: “Abbiamo il rientro di De Sciglio, poi ci sono Danilo, De Ligt, Cuadrado e Stramaccioni che sarà aggregato a noi. È un ragazzo giovane, del settore giovanile, come Soulé, Miretti, Aké. Abbiamo un po’ di giocatori domani da far giocare”.

Allegri si concentra proprio sull’under 23, parlando proprio di Miretti: “Ci sono buoni giocatori nel settore giovanile, con l’Under 23 che ha dato la possibilità ai ragazzi di crescere velocemente e di confrontarsi subito in un campionato in cui contano i punti e di giocare su campi difficili. Questo è molto importante. È cresciuto lui, così come Aké, Soulé.

Aggiunge: “Ci sono altri giovani bravi, a cui bisogna lasciare il tempo di crescere, indipendentemente da chi giocherà domani. Uno di questi 3 credo che giocherà, qualcuno a partita in corso, ma non dobbiamo addossargli responsabilità e non dobbiamo fargli sentire già bravi. Sono bravi ma devono imparare e acquisire esperienza. Tutto lì”.

Conclusione sull’attacco e Kean: “Sono contento della prestazione che ha fatto. Ha fatto gol. Poi durante la partita ha sempre occasioni per fare gol. Dovrò valutare tra lui, Vlahovic e Morata: di questi tre due giocano e uno sta fuori”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

calcio news Juventus

ultimo aggiornamento: 01-03-2022


Serie A, dove vedere le partite della prossima giornata in tv e in streaming

Fiorentina, comunicato su Vlahovic: “Evitare cori razzisti e discriminazioni”