Attraverso la piattaforma di prenotazioni online molte persone aiutano la popolazione ucraina.

Nata per caso, ora si è trasformata in una vera campagna con lo scopo di sostenere la popolazione ucraina attraverso i pagamenti degli alloggi. Airbnb si è impegnata a offrire alloggi gratuiti a 100.000 rifugiati ucraini.

Ovviamente nessuno andrà in Ucraina ma in questo modo la popolazione potrà ricevere soldi sul proprio account Airbnb.

Il portavoce ha affermato che la società ha ricevuto una “risposta travolgente” all’iniziativa, con oltre 260.000 visitatori finora a una pagina dedicata in cui è possibile iscriversi per essere un host o fare una donazione.

Chesky ha affermato che nell’ultimo decennio l’azienda ha fornito alloggi gratuiti a 54.000 rifugiati in tutto il mondo insieme ai suoi ospiti, l’ultimo in relazione alla crisi dell’anno scorso in Afghanistan.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 06-03-2022


Barricate e strade vuote: come appare Kiev durante la guerra 

Zelensky: cosa fa la Nato?