Non c’è uno slot disponibile per far atterrare il volo italiano all’aeroporto, la Cina blocca a Wuhan il ragazzo italiano di diciassette anni. Poi il passo indietro.

Non c’è pace per il ragazzo italiano di diciassette anni che si trova a Wuhan e che avrebbe dovuto già lasciare la Cina in due occasioni. O forse finalmente sì.

La prima volta Niccolò avrebbe dovuto fare ritorno con un volo dell’Aeronautica militare italiana, la seconda volta con uno dell’Aeronautica militare britannica. In entrambi i casi il giovane è stato costretto a rimanere a terra per un’alterazione della temperatura. Gli esami e i test hanno escluso il contagio da coronavirus e per questo motivo Luigi Di Maio ha deciso di muoversi in prima persona per assicurare al ragazzo un rapido rientro in Italia.

Luigi Di Maio
fonte foto https://www.facebook.com/LuigiDiMaio/

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

La Cina ‘blocca’ a Wuhan il ragazzo di 17 anni di Grado

Per provare a risolvere la situazione il Ministro degli Esteri aveva organizzato un volo militare diretto a Wuhan per il il recupero di Niccolò, il ragazzo di Grado che di fatto si trova bloccato nell’epicentro dell’epidemia. E ovviamente più tempo passa sul territorio più aumentano i rischi di un effettivo contagio.

Pechino aveva bloccato il volo italiano facendo sapere di non avere a disposizione spazi liberi per far atterrare il mezzo a Wuhan. Le autorità hanno dato infatti la precedenza ai mezzi che trasportano beni di prima necessità.

Aeronautica Militare
fonte foto https://www.facebook.com/AeronauticaMilitareOfficialPage/

Tensione tra Italia e Cina, si rischia il caso diplomatico

La motivazione potrebbe essere anche comprensibile ma i sospetti sorgono se pensiamo al fatto che la tensione tra Pechino e Roma è elevata, è tangibile. La Cina nelle scorse settimane ha evidenziato il proprio disappunto per lo stop al traffico aereo diretto imposto dal governo italiano.

Si sblocca la situazione, Niccolò può tornare in Italia

Stando a quanto riferito dall’Ansa, le autorità cinesi, nella tarda mattinata del 13 febbraio, hanno autorizzato il rimpatrio di Niccolò che può finalmente fare ritorno in Italia. L’informazione è stata confermata da uomini della Farnesina.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 13-02-2020


Omicidio Cerciello, il video dell’interrogatorio di Hjorth, il ragazzo bendato

Coronavirus, la Cina ha mentito (o almeno bluffato) sui numeri di contagiati e vittime