Amazon, la Commissione europea apre una procedura per abuso di posizione dominante. Le accuse a carico della società di Jeff Bezos.

La Commissione europea mette Amazon nel mirino e accusa il colosso degli acquisti online di sfruttare i dati dei rivenditori per spingere e favorire i propri prodotti.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Commissione europea apre procedura nei confronti di Amazon

La Commissione europea, per provare a fare luce sull’ipotesi di violazione delle delle regole sulla concorrenza, ha aperto una procedura nei confronti di Amazon. L’accusa a carico del colosso è quella di abuso di posizione dominante.

L’impianto accusatorio, e quindi di indagine, ruota intorno a due punti.

Il primo punto. Amazon sfrutterebbe i dati riservati dei rivenditori per spingere la vendita dei suoi prodotti. L’ipotesi si basa sul fatto che Amazon può risalire a tutti i dati utili (quanto vende un prodotto, quali margini di guadagno ci sono, chi compra, il prezzo di mercato, le promozioni) e completare il quadro sfruttando le informazioni riservate dei rivenditori.

Con queste informazioni a disposizione piazzare il proprio prodotto e renderlo più conveniente e attraente non è una sfida così proibitiva, anzi. Ma se la strategia si fondasse effettivamente anche sulle informazioni private, allora si tratterebbe di una chiara violazione delle regole.

Il secondo punto. Amazon favorisce i suoi clienti. La società andrebbe a favorire i propri prodotti e quelli delle società che si affidano a lei per la logistica e la consegna dei pacchi.

Amazon
Fonte foto: https://www.facebook.com/amazon.it/

Cosa rischia Amazon

Nel caso in cui la società di Bezos fosse giudicata colpevole, la Commissione potrebbe comminare una multa fino al 10 per cento del fatturato.

ultimo aggiornamento: 11-11-2020


Vaccino Pfizer, all’Italia almeno 27 milioni di dosi

Vaccino, firmato l’accordo tra Bruxelles e la Pfizer. Arcuri responsabile del piano di distribuzione? Mosca, ‘Nostro vaccino efficace al 92 per cento’