La Lega ha deciso di non votare le nuove regole Covid sulla scuola. Presto un confronto con Draghi.

ROMA – Il no della Lega alle nuove regole Covid sulla scuola potrebbe aprire una nuova spaccatura della maggioranza. Non è la prima volta che un provvedimento viene approvato senza il via libera del partito di via Bellerio, ma il momento è sicuramente diverso e per questo motivo ci aspettiamo a breve un incontro tra Draghi e il leader Salvini per provare ad accorciare le distante.

Da precisare che al Consiglio dei ministri c’erano Garavaglia e Stefani mentre era assente Giorgetti. Ufficialmente per un impegno istituzionale, ma non si esclude una scelta fatta dallo stesso ministro in attesa del vertice con il premier.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La Lega dice no alle nuove regole della scuola, il motivo

Dalle prime informazioni, il no della Lega è strettamente legato alla discriminazione tra i bambini vaccinati e non. Bisogna dire che il partito di via Bellerio già in passato aveva espresso dei dubbi su questa possibilità e da qui la scelta di non dare il proprio assenso al decreto.

Come detto, non è la prima volta che il Carroccio decide di non votare, ma a pochi giorni dalle tensioni per il Quirinale potrebbe aprire a scenari fino a questo momento non ancora considerati.

Matteo Salvini
Matteo Salvini

Presto incontro tra Salvini e Draghi?

La scelta della Lega potrebbe portare presto Salvini ad incontrare Draghi per fare il punto della situazione e soprattutto decidere se continuare insieme questo percorso. Da parte di via Bellerio non c’è nessuna intenzione di fare un passo indietro, ma sicuramente il presidente del Consiglio è pronto a chiedere maggiore lealtà al partito per non rischiare in futuro di ritrovarsi ancora con dei no ai provvedimenti. Vedremo nei prossimi giorni come si evolverà la situazione e se si arriverà ad un compromesso.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 02-02-2022


Via libera al nuovo decreto Covid su Green Pass, scuola e zona Rossa

Covid, Speranza: “Si apre una fase nuova”