La Lega vuole abbassare a 12 anni l’età per la punibilità nei confronti dei componenti delle baby gang, in particolare per reati sessuali.

Nel febbraio del 2019 è stata presentata alla commissione Giustizia della Camera la proposta di legge della Lega. La proposta di legge, firmata primariamente da Gianluca Cantalamessa, vuole abbassare l’età per la punibilità penale per i componenti delle baby gang.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il progetto di legge

La legge in questione chiede infatti che l’età minima in cui è possibile attuare delle procedure penali contro un minore venga abbassata da 14 a 12 anni. Lo scopo è quindi quello di abbassare l’età in cui l’imputato possiede “la capacità d’intendere e di volere come condizione necessaria perché una persona possa essere considerata responsabile e chiamata a rispondere penalmente di un fatto da lei commesso”.

Secondo la legge italiana, per coloro che hanno un’età inferiore a 14 anni, vige l’incapacità di intendere e volere. Per questo motivo, i minori di 14 anni non possono essere sottoposti ad alcun provvedimento penale.

A promuovere l’iniziativa il leader della Lega Matteo Salvini. Alla luce di quanto accaduto in Lombardia, spera fortemente che la legge in questione possa passare al vaglio, soprattutto per quanto riguarda la punibilità dei reati a sfondo sessuale.

Le molestie in treno perpetuate dalle baby gang

“Più di 55mila minorenni, nel 2021, erano in carico agli uffici di sorveglianza. Nel 2021 le violenze sessuali effettuate da ragazzi con meno di 18 anni nel nostro Paese sono state 1049: 3 al giorno. Quasi il doppio rispetto a 20 anni fa. Il tasso di recidiva, poi, è impressionante: il 60%.”

I dati in questione si riferiscono all’evento tenutosi lo scorso 2 giugno sulle spiagge di Castelnuovo e Peschiera del Garda. In questa occasione, centinaia di ragazzi hanno partecipato ad un rave, un raduno chiamato “L’Africa a Peschiera”.

Avvocato ufficio legge

L’evento ha fatto notizia in quanto oltre ad una maxi rissa accaduta durante il rave, alcuni dei partecipanti sarebbero gli autori delle molestie sessuali perpetuate su un treno, nei confronti di alcune ragazze minorenni di ritorno da una gita a Gardaland.

Si tratta di un fenomeno preoccupante. La delinquenza minorile non deve essere sottovaluta, ed è necessario prendere dei provvedimenti nei confronti di questi ragazzi che non vengono puniti dalla legge in quanto considerati “incapaci di intendere e di volere”.

Il capogruppo leghista a Montecitorio Riccardo Molinari: “Si calendarizzi immediatamente la nostra proposta di legge sulle baby gang. Ogni giorno assistiamo a fenomeni di violenza in tutta Italia e non possiamo accettare che tutto sia ancora fermo in commissione. Occorre quanto prima intervenire abbassando l’età imputabile da 14 a 12 anni ed eliminare le premialità previste per le condanne ai minori nei casi in cui scatti l’aggravante dell’associazione. Le istituzioni hanno il dovere di affrontare il problema, non rimandarlo”, aggiunge.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 07-06-2022


Guida muletto ma si ribalta, deceduto un ragazzino

Trieste, sequestro record di droga: 4,3 tonnellate di cocaina