In un intervista a Marca il brasiliano Ronaldo si confida come non ha mai fatto.

Approfittando della presentazione del suo nuovo documentario (The Phenomenon; DAZN), il brasiliano parla con MARCA del suo rapporto con i Mondiali e dei suoi momenti più difficili. L’ex attaccante brasiliano ha rilasciato un’intervista a Marca dove ha discusso di problemi di salute mentale legati al calcio e ai calciatori.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

“Oggi sono in terapia. Sono stato in terapia per due anni e mezzo e ora sto molto meglio di prima”, ha detto.

“Vengo da una generazione in cui sei stato gettato nell’arena e dovevi fare del tuo meglio senza il minimo accenno di dramma. Guardo indietro e vedo che sì, siamo stati esposti a uno sforzo mentale molto molto grande e senza alcuna preparazione per questo. Anche perché era l’inizio dell’era di Internet, con la velocità con cui le informazioni viaggiano. In quel momento non c’era alcuna preoccupazione per la salute mentale dei giocatori”, ha proseguito l’ex attaccante di Inter e Milan.

Ronaldo
Ronaldo

“Oggi i giocatori sono molto più preparati, ricevono le cure mediche di cui hanno bisogno per affrontare la giornata e i giocatori vengono studiati di più: i profili di ogni giocatore, come reagiscono, come dovrebbero reagire. Ai miei tempi non c’era niente di tutto questo, purtroppo, perché sappiamo che il calcio può causare molto stress ed essere molto decisivo per il resto della nostra vita”.

“La realtà è che non sapevamo nemmeno che esistesse questo tipo di problema. È stato assolutamente ignorato dalla nostra generazione.

“Molti, ovviamente, hanno attraversato momenti terribili, anche depressione, a causa della mancanza di privacy, della mancanza di libertà. È vero che i problemi erano molto evidenti, ma le soluzioni non erano molto disponibili”.

L’intervista originale

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 15-10-2022


Chi è Silvia Toffanin, da anni alla conduzione di “Verissimo”

Tutto su Andrea Giambruno: ecco chi è il compagno di Giorgia Meloni che simpatizza per la sinistra