La Russa "contro" Salvini: dice no al servizio militare obbligatorio
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

La Russa “contro” Salvini: dice no al servizio militare obbligatorio

Ignazio La Russa

Il Presidente del Senato, Ignazio La Russa, “contro” Salvini e anche Vannacci. Le parole sulla leva obbligatoria e la Decima Mas.

Molto diretto nei suoi pensieri Ignazio La Russa che a Telelombardia ha avuto modo di affrontare diversi argomenti piuttosto caldi dell’attualità politica italiana. Il Presidente del Senato ha detto la sua sul servizio militare obbligatorio andando “contro” alcuni pensieri dell’attuale vicepremier Matteo Salvini. Inoltre, passaggi importanti anche sul candidato leghista, Roberto Vannacci.

Come fare soldi con le criptovalute e guadagnare?

Ignazio La Russa
Ignazio La Russa

La Russa e il servizio militare obbligatorio

Come riportato da Today, La Russa ha parlato ai microfoni di Telelombardia dicendosi contrario alla leva militare obbligatoria come descritta da Salvini: “Sono nettamente contrario alla proposta di Salvini di sei mesi di leva obbligatoria, anche per motivi economici visto che non ci sono i soldi e mi sono documentato”, ha detto. E ancora: “Sono contrario perché da giovane ho fatto la battaglia esattamente opposta insieme al Fronte della Gioventù e ai giovani di destra. Chi serve la patria in divisa deve essere convinto di farlo, deve essere una scelta, non un obbligo e un’imposizione. Raddrizzare i figli non spetta alle forze armate, ma alle scuole e alle famiglie”.

La frecciata a Vannacci

Spazio poi anche a Vannacci e alle sue osservazioni a proposito della Decima Mas citata in modo inopportuno stando al Presidente del Senato. Sempre a Telelombardia, infatti, La Russa avrebbe detto: “Non sono d’accordo sul fatto che Vannacci abbia tirato in ballo la Decima. Nessuno ha mai tirato in ballo la Decima Mas che peraltro è stata costituita da uomini che tuttora nella memoria hanno la medaglia d’oro, quelli prima della repubblica sociale”.

Il Presidente del Senato ha poi aggiunto: “Il loro seguito sono i Comsubin che nella sfilata del 2 giugno hanno sempre gridato ‘decima’ tranne quest’anno, forse per non confondersi con la campagna di Vannacci. L’unico effetto delle sue parole è stato che non hanno potuto gridare ‘Decima’, non mi pare un gran bel risultato”.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 3 Giugno 2024 15:35

Claudia Sheinbaum eletta in Messico: è la prima donna presidente

nl pixel