Il 12 dicembre 1969 una bomba provoca 17 morti a Milano all’interno della Banca Nazionale dell’Agricoltura. E’ la strage di Piazza Fontana.

Il 12 dicembre 1969, a Milano, una bomba esplode e provoca 17 morti e 88 feriti. L’ordigno, composto da sette chili di tritolo, deflagra all’interno della Banca Nazionale dell’Agricoltura: è la Strage di Piazza Fontana.

Strage Piazza Fontana
Strage Piazza Fontana

La Strage di Piazza Fontana

Alle 16.37, quando la Banca Nazionale dell’Agricoltura era ancora piena di clienti, la terribile esplosione lascia a terra i corpi senza vita di 17 persone mentre altre 88 rimangono ferite. Dopo aver seguito la pista anarchica, gli inquirenti puntano l’attenzione sul mondo dell’eversione dell’estrema destra: Franco Freda e Giovanni Ventura, esponenti di Ordine Nuovo, verranno condannati all’ergastolo.

https://www.youtube.com/watch?v=stT2AtXYIe4
https://www.youtube.com/watch?v=stT2AtXYIe4

La strategia della tensione

Quello di Piazza Fontana, in quel pomeriggio del 12 dicembre 1969, non fu l’unico atto terroristico. Sempre a Milano, fu rinvenuta inesplosa una bomba nella sede milanese della Banca Commerciale Italiana, in piazza della Scala. La borsa fu recuperata ma l’ordigno, che poteva fornire preziosi elementi per l’indagine, fu fatto brillare dagli artificieri la sera stessa.
Una terza bomba esplose a Roma alle 16.55 nel passaggio sotterraneo che collegava l’entrata di via Veneto della Banca Nazionale del Lavoro con quella di via di San Basilio; altre due esplosero a Roma tra le 17.20 e le 17.30, una davanti all’Altare della Patria e l’altra all’ingresso del Museo centrale del Risorgimento, in piazza Venezia. I feriti a Roma furono in tutto 16.

La Strage di Piazza Fontana, il più grave attentato fino a quel momento nel Dopoguerra, segna l’inizio della cosiddetta “strategia della tensione“, ossia una strategia volta a destabilizzare il quadro istituzionale, politico e sociale italiano. Negli anni ’70, poi, gli anni di piombo.

Il messaggio di Mattarella

La strage di piazza Fontana ha interpellato in maniera esigente l’identità della Repubblica, suscitando un’unità di popolo determinante per sconfiggere violenza, terrorismo, eversione. Una riserva di valori etici che fu centrale e seppe porsi a fianco dei familiari delle vittime. Il terrorismo tentò di inserirsi nelle fratture della società per disgregarne le basi: gli italiani non lo consentirono“, recita il messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati


I funerali di Paolo Rossi, l’ultimo saluto a Vicenza

Caso Gregoretti, Toninelli in Aula: “Non ricordo di aver firmato il decreto, è passato tempo”