Uno studio pubblicato sulla rivista MedRxiv suggerisce che la variante brasiliana del Covid potrebbe essere più aggressiva e più letale tra i giovani.

Dopo la variante inglese, caratterizzata da una maggiore velocità di trasmissione, ora preoccupa la variante brasiliana del Covid, che sembrerebbe essere più aggressiva (e più letale?) tra i giovani.

Preoccupa la variante brasiliana del Covid: potrebbe essere più aggressiva e letale

Le nuove informazioni arrivano da uno studio realizzato dalla Federal University of Parana, dal Cincinnati Children’s Hospital Medical Center e dall’università di Verona. È bene evidenziare che lo studio in questione, pubblicato sulla rivista MedRxiv, è ancora alla fase preliminare. Detto ciò, i dati sembrano portare ad una conclusione: la variante brasiliana del Covid potrebbe essere più aggressiva e più letale tra i giovani. Se confermato, l’esito dello studio in questione andrebbe a rafforzare altri studi che avevano suggerito questo scenario, per quanto riguarda la variante brasiliana del Covid.

Gli esperti evidenziano, nelle osservazioni preliminari, come la variante brasiliana del porti ad un incremento del numero dei decessi in tutte le fasce di età. E questo incremento sarebbe particolarmente marcato nei soggetti di età compresa tra i 20 e i 29 anni.

Come detto, siamo ancora nella fase delle osservazioni preliminari. Lo studio deve essere portato a termine e poi analizzato dalla comunità scientifica, che comunque ha già espresso preoccupazione per la variante brasiliana del Covid.

Coronavirus Covid
Coronavirus

Il monitoraggio capillare e la campagna di vaccinazione rapida: le armi contro la diffusione delle varianti

Le armi a disposizioni contro la diffusione delle varianti sono sempre le stesse. Un attento e costante monitoraggio per evitare la diffusione isolando i casi e una campagna di vaccinazione rapida, in grado di immunizzare la popolazione nel minor tempo possibile.

Per quanto riguarda l’Europa, la speranza è quella di uscire dall’emergenza entro la fine dell’anno, magari prima della fine dell’estate. Ma siamo in un percorso ad ostacoli ed ogni decisione potrebbe avere effetti pericolosi dal punto di vista epidemiologico. Riaperture affrettate potrebbero vanificare mesi di sacrifici trascorsi tra limitazioni e restrizioni. La strada maestra dell’Europa è quella della prudenza, ma la consapevolezza è che la stagione delle riaperture deve essere avviata in tempi brevi.

TAG:
coronavirus primo piano

ultimo aggiornamento: 02-04-2021


Covid, la cura domiciliare che riduce i ricoveri

Nuovo monitoraggio Iss, indice Rt sotto l’1. I colori delle Regioni dopo il lockdown di Pasqua