Siamo di fronte ad un passo fondamentale, sebbene non ancora decisivo. L’accordo sui migranti, raggiunto da 27 Paesi Ue.

Che tipo di accordo europeo si sarebbe raggiunto, circa la questione sulla ridistribuzione dei migranti? L’intesa avrebbe coinvolto i Ministri dell’Interno di circa 27 Paesi europei. Un protocollo che giunge dopo ben quasi due anni di operazioni di negoziato, tra le maggiori nazioni Made in Europe.

Le operazioni poggerebbero su uno storico di attività, come il Patto europeo su migrazione ed asilo (già redatto dalla Commissione europea e divulgato a tutto il Continente ), fino ad arrivare al famoso accordo di Malta, coinvolgente alcuni importanti centri del Mediterraneo (dagli scarsi esiti passati).

Ciò che adesso sembra svilupparsi, si riferisce ad una sorta di solidarietà obbligatoria. I patti sono chiari: chi non si dimostrerà ligio ad aprire le proprie frontiere, aiutando quelle nazioni schiacciate dall’enorme mole di sbarchi, dovrà essere pronto a sostenere finanziariamente, i Paesi che stanno accogliendo di più (Italia inclusa).

bandiera europa
bandiera europa

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

I patti sono chiari

Il documento di intesa appunta tutto su carta e lo fa in maniera chiara, dettagliata ed intelligibile per tutti gli Stati Membri. Il regolamento Dublino III, sembra quindi ormai abrogato del tutto. Il passato report, infatti, affidava le decisioni sul tema migranti, alla discrezione autonoma dei singoli Stati. Di certo, 12 Nazioni, si sono già impegnate ad ospitare i migranti. I Paesi chiamati all’azione in questo senso, sarebbero 15.

Inoltre, in base all’intesa raggiunta, non sussisterebbero quote. Alla luce di ciò, non appare del tutto chiaro, secondo quale logica ci si approccerà alla ridistribuzione esatta dei clandestini, in termini quantitativo-territoriali. Inoltre, non appare ancora in programma, un sistema atto alla quantifica del risarcimento economico, da parte di quelle nazioni non intenzionate ad aprire le proprie frontiere ai migranti.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 16-06-2022


Paolo Brosio sulle parole del Papa: “Ho ceduto al peccato…”

Chiara Nasti contro le donne incinte: “Svaccate…”