Lancio Crew Dragon di Space X, presente Donald Trump

La Crew Dragon di SpaceX ha agganciato la Stazione Spaziale

Il lancio della Crew Dragon di SpaceX è avvenuto al secondo tentativo. La missione è partita da Cape Canaveral.

WASHINGTON (STATI UNITI) – Appuntamento con la storia per gli Stati Uniti che dopo nove anni sono ritornati nello spazio partendo da una base americana. Il lancio della Crew Dragon è avvenuto alle 21.22 di sabato 30 maggio 2020. La capsula dopo 19 ore di viaggio ha raggiunto la Stazione Spaziale con l’aggancio avvenuto anche con qualche minuto di anticipo rispetto al previsto.

Al Kennedy Space Center era presente anche il presidente degli Stati Uniti Donald Trump che ha assistito in diretta all’appuntamento storico a Cape Canaveral. Il lancio ha rispettato tutte le norme anti-coronavirus con i risultati della missione che si avranno sono al ritorno dei due astronauti dallo spazio.

Watch NASA and SpaceX Launch Astronauts to Space!

Watch history unfold on Saturday, May 30, as NASA and SpaceX launch astronauts Robert Behnken and Douglas Hurley to the International Space Station. This mission marks the first time since the retirement of the space shuttle in 2011 that humans will fly to the space station from U.S. soil. The first launch attempt on May 27 was scrubbed due to weather.Set a reminder to tune for joint NASA/SpaceX coverage starting at 11 a.m. EDT, with liftoff currently targeted for 3:22 p.m. EDT. 🚀

Pubblicato da NASA – National Aeronautics and Space Administration su Sabato 30 maggio 2020

Prossimo step: la prima donna sulla Luna

Il lancio della Crew Dragon è il primo passo di un lungo progetto da parte degli Stati Uniti e della Nasa. Il prossimo step sarà quello di portare la prima donna sulla Luna nel 2024.

Una missione che si sta progettando sin da ora con l’austronauta che scenderà da un modulo privato, commissionato dalla Nasa a una tra SpaceX, Blue Origin e Dynetics.

Il primo passo verso Marte

Prima ancora della Luna, gli Stati Uniti stanno progettando il viaggio verso Marte. A luglio tre missione robotiche, tra cui una della Nasa, partiranno per iniziare a mettere a punto le tecnologie necessarie per consentire a una persona di poter arrivare sul Pianeta Rosso e sopravvivere per mesi a milioni di chilometri a distanza.

Difficile, in questo momento, ipotizzare quando questo potrà avvenire. La Nasa sta progettando senza date precise. L’amministrazione Obama aveva parlato di 2030 per raggiungere questo obiettivo. Non abbiamo certezze su questo ma nei prossimi anni si potrebbero avere delle certezze maggiori sul viaggio su Marte di un uomo.

ultimo aggiornamento: 31-05-2020

X