Il premier di Israel Yair Lapid annuncerà il sostegno alla soluzione dei Due Stati nel conflitto con i palestinesi.

Durante il discorso all’Assemblea generale dell’Onu che si terrà nella giornata di oggi, 22 settembre, il premier di Israel Yair Lapid annuncerà il sostegno alla soluzione dei Due Stati nel conflitto con i palestinesi. I media locali sostengono il premier, parlando di una svolta importante nella politica estera di Israele verificatasi durante gli ultimi anni.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il premier sulla separazione politica dai palestinesi

Stando a quanto riferito dal giornale Haaretz, la politica di Lapid si concentrerà principalmente sulla necessità di una separazione politica dai palestinesi. Ciò «per rafforzare la sicurezza di Israele». Il primo ministro israeliano Yair Lapid ha dovuto affrontare una pesante rappresaglia dall’interno del paese.

bandiera israele

Ciò dopo che alcune fonti hanno rivelato la sua intenzione di promuovere una soluzione a due stati con i palestinesi. Durante il suo discorso alle Nazioni Unite di giovedì. Il ministro delle finanze Avigdor Lieberman, presidente del partito Yisrael Beytenu e un partner senior della coalizione di governo ha parlato del tanto atteso discorso di Lapid. Lo avrebbe definito una resa.

Lieberman, in un suo Tweet ha affermato: «Con la recente ascesa del terrore palestinese e alla luce dello scandaloso discorso di Abu Mazen a Berlino, qualsiasi menzione di uno stato palestinese equivale ad arrendersi al terrore. Dichiarazioni di questo tipo da parte della leadership israeliana solo oltre tentativi di Abu Mazen e dell’apparato di sicurezza palestinese di sottrarsi al loro dovere di combattere il terrorismo».

Il ministro della Giustizia Gideon Sa’ar, che presta servizio nella coalizione di Lapid, ha affermato che l’instaurazione di uno «stato terroristico in Giudea e Samaria (ovvero la Cisgiordania) metterà in pericolo la sicurezza di Israele. E che la maggior parte del popolo israeliano e i suoi rappresentanti non permetteranno che ciò accadere».

Il partito sostiene: «Lapid vuole consegnare al nemico lembi della Terra d’Israele. Per anni Benyamin Netanyahu è riuscito a rimuovere la questione palestinese dall’agenda internazionale. E in meno di un anno Lapid ha riportato invece Abu Mazen in primo piano».

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 22-09-2022


Covid: tornano a salire i contagi in Italia, +11,3%

Ucraina, Medvedev: “Anche armi nucleari per difenderci”