Il ritrovamento è avvenuto al largo Cairoli, circa tre metri sotto al piano stradale: si tratta di un vero e proprio tesoro d’altri tempi.

Durante alcuni lavori di scavo per la sistemazione di largo Cairoli, sono emersi due metri quadrati di lastricato risalente alla Terni romana. Il lastricato è ancora da valutare, ma secondo gli esperti potrebbe risalire con molta probabilità all’epoca romana. 

Il ritrovamento è avvenuto a circa tre metri sotto al piano stradale: si tratta di un vero e proprio tesoro d’altri tempi. Ma non si tratta del primo ritrovamento fatto in quella zona: altri reperti erano emersi anni fa a pochi passi dal largo Cairoli, durante i lavori in piazza Valnerina.  

Roma

Il ritrovamento in questione è un muro che, secondo quanto ipotizzato dalla Soprintendenza, apparteneva ad un mausoleo. Con molta probabilità, si tratta di un muro appartenente ad una tomba di qualche personaggio importante del tempo. A sostegno di questa tesi, il ritrovamento di altre tombe poco distanti dalla zona.  

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La Soprintendenza dei beni Archeologici

Grazie alla scoperta dei nuovi reperti archeologici, sembra riemergere l’antica città romana. Secondo la Soprintendenza dei beni Archeologici, «Considerando la zona e quello che è emerso nel sottosuolo negli anni precedenti potremmo anche trovare in largo Cairoli reperti delle mura romane della città. Bisogna andare a fondo con i saggi, vedere cosa e in che condizioni si trova. Per ora siamo ancora in una fase di valutazione per cui non possiamo sbilanciarsi, ma solo fare ipotesi. In queste situazioni se i reperti non sono rilevanti si interrano e si procede con i lavori. Vedremo cosa si troverà».

Ma per essere sicuri delle ipotesi formulate bisognerà aspettare almeno a fine estate in settembre. Maurizio Cecconelli, assessore alla cultura del comune di Terni ha parlato del ritrovamento: «Noi seguiamo alla lettera le indicazioni della Soprintendenza, se c’è da aspettare aspetteremo per sistemare a verde l’area di via Cairoli. Non possiamo che affidarci agli esperti». 

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 02-08-2022


Perché l’Iran nucleare non costituisce un pericolo?

Una senatrice aborigena australiana definisce Elisabetta II “colonizzatrice”