L’Iran avverte: “Siamo in grado di costruire la bomba atomica”, ma la costruzione di tale ordigno “non è in programma”.

L’Iran lancia un avvertimento: “Siamo in grado di costruire la bomba atomica”. Il capo dell’organizzazione nucleare iraniana ha spiegato che comunque, “Non è in programma”. Sono questi gli avvertimenti del capo dell’Organizzazione per l’energia atomica iraniana Mohammad Eslami, che ha sottolineato il fatto che l’Iran possiede i mezzi e le capacità per costruire una bomba atomica.   

A rendere nota la notizia l’agenzia iraniana Mehr. Il capo dell’Organizzazione per l’energia atomica iraniana ha anche affermato che c’è stato un incontro tra Teheran e l’AIEA, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica. Il funzionario iraniano ha poi lanciato una critica nei confronti dell’Israele, per accuse secondo cui Teheran starebbe costruendo armi nucleari.    

bandiera Iran

Nonostante il capo dell’Organizzazione per l’energia atomica (AEOI), ing. Eslami, abbia rassicurato che “…un tale programma non è all’ordine del giorno”, Israele è allarmata. Inoltre, le minacce del presidente americano Joe Biden non sembrano rassicuranti. Difatti, pochi giorni fa Joe Biden aveva avveritito che gli Stati Uniti sono pronti alla forza per fermare l’atomica iraniana. 

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le nazioni che dispongono della bomba atomica 

Nonostante l’avvertimento, Eslami ha spiegato che non è in programma la costruzione di tale ordigno. Ad oggi l’Iran diventa il decimo Paese in grado di costruire armi nucleari e di distruzione di massa. Insieme all’Iran una lunga lista, che comprende anche Stati Uniti, Russia, Cina, Gran Bretagna, Francia, India, Pakistan, Israele e Corea del Nord. 

Nonostante gli avvisi, c’è chi non ritiene che l’Iran sia davvero un pericolo. Ad elencare i motivi per cui l’Iran non costituirebbe un pericolo, il prof. Adam B. Lowther della Air University – Maxwell. Innanzitutto, un’Iran nucleare sarebbe percepito come minaccia dai Paesi sunniti, e potrebbe avvicinarli ancora di più.

Inoltre, gli Stati Uniti d’America potrebbero infrangere il cartello dell’Opec. Scagliare la bomba atomica contro Israele coinvolgerebbe anche i palestinesi, provocando una riconciliazione. Il legame con il mondo arabo sunnita gioverebbe al dollaro, all’industria ed all’occupazione. Dando forza militare a questi Paesi si risparmierebbero i soldi utilizzati per finanziare le missioni oltremare. 

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 02-08-2022


Gli Stati Uniti hanno ucciso il leader di Al Qaeda: la mente dell’11 settembre

Largo Cairoli, riesumato un antico pavimento di epoca romana