A 17 anni, ha deciso di vivere e lavorare sui treni: la storia di Lasse Stolley
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

A 17 anni, ha deciso di vivere e lavorare sui treni: la storia di Lasse Stolley

Un treno nella stazione di Anversa

La straordinaria vita di Lasse Stolley: è un giovane 17enne che vive, dorme e lavora sui treni della Deutsche Bahn.

Lasse Stolley, un giovane programmatore di 17 anni, ha intrapreso una vita insolita e avventurosa sui treni della Deutsche Bahn (DB).

Come fare soldi con le criptovalute e guadagnare?

Da un anno e mezzo, come racconta Bluewin.ch percorre in lungo e in largo la Germania e i Paesi limitrofi, portando con sé tutto il necessario in uno zaino da 36 litri.

stazione del treno frecciarossa

La decisione di vivere sui treni: il racconto del giovane 17 enne

Lasse Stolley ha deciso di vivere sui treni nell’estate del 2022, ispirato da un documentario su YouTube.

Ha lasciato la casa dei suoi genitori a 16 anni, poco dopo aver terminato la scuola secondaria, e ha convinto i genitori a lasciarlo andare dopo molte discussioni.

Con una “Bahncard 100” che gli permette di viaggiare illimitatamente su tutti i treni della Deutsche Bahn, ha intrapreso il suo primo viaggio l’8 agosto del 2022 verso Monaco.

La quotidianità di Lasse è all’insegna della spontaneità. Ogni mattina, decide la sua destinazione controllando le connessioni disponibili tramite un’app, scegliendo a seconda dell’umore e del tempo.

Questa libertà gli ha permesso di esplorare una vasta gamma di destinazioni, dalla località balneare di Binz sull’isola di Rügen alla Zugspitze, la montagna più alta della Germania, fino alla capitale Berlino.

Ho molta libertà e posso decidere ogni giorno dove andare, che sia sulle Alpi, in una grande città o al mare. Sono completamente flessibile,” racconta Lasse a “Business Insider”.

Le sfide di questa avventura

Nonostante la libertà e l’avventura, la vita sui treni presenta anche delle sfide. La privacy è praticamente inesistente, e Lasse deve prestare molta attenzione ai suoi bagagli, specialmente sui treni notturni dove i furti sono frequenti.

La privacy non esiste quando si vive in treno,” spiega il giovane programmatore. La sicurezza varia a seconda delle tratte: alcune, come Francoforte-Amburgo, sono ben sorvegliate.

Mentre altre, come le aree metropolitane della Ruhr, potrebbero beneficiare di una maggiore presenza di personale di sicurezza.

Trasporta tutto ciò di cui ha bisogno in uno zaino da 36 litri, contenente: quattro magliette, due paia di pantaloni, un cuscino per il collo e una coperta da viaggio.

Gli oggetti più preziosi per lui sono il suo computer portatile e le cuffie a cancellazione di rumore: “Mi permettono di avere un po’ di privacy sul treno“.

Lasse ha percorso oltre 500.000 chilometri sui treni della DB, l’equivalente di dodici giri del mondo. Questa vita, seppur affascinante, comporta costi significativi: circa 10.000 euro all’anno, inclusi i biglietti d’ingresso a musei, monumenti e piscine pubbliche dove si fa la doccia.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 10 Giugno 2024 15:07

Caso Giovanni Toti: arriva la richiesta di revoca dei domiciliari

nl pixel