Atalanta-Lazio, la confessione di Lotito a Simone Inzaghi: “Gasperini l’ho mandato aff… Mi ha detto che era rigore”. Il video diventa virale.

Lotito, la caduta di stile su Gasperini finisce in rete e diventa virale. Nella grande festa per la vittoria della Coppa Italia contro l’Atalanta, spunta un video girato casualmente forse dalla signora Inzaghi che, non volendo, mentre stava facendo una storia sulla sua pagina Instagram, ha ripreso un colloquio tra il presidente Claudio Lotito e Simone Inzaghi.

Il patron biancoceleste, entusiasta per la vittoria del titolo, confessa al suo allenatore di aver mandato a quel paese Gasperini. Una notevole caduta di stile per il numero uno della Lazio, solitamente pacato davanti alle telecamere nonostante un carattere quantomeno spigoloso.

Claudio Lotito
Claudio Lotito

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Claudio Lotito a Simone Inzaghi: “Gasperini l’ho mandato aff…”. Il video

Il video mostra il patron della Lazio Claudio Lotito che confida a Simone Inzaghi di avere liquidato Gasperini.

Il motivo dello sfogo di Lotito con il tecnico dell’Atalanta sarebbe legato al fatto che Gasperini abbia evidenziato come alla sua squadra non sia stato assegnato un rigore sul risultato ancora fermo sullo zero a zero. Calcio di rigore che, visionando le immagini, sembra netto almeno in linea con le decisioni prese dagli arbitri nel corso della stagione.

Di seguito il video delle dichiarazioni di Claudio Lotito su Gasperini

https://twitter.com/Valerio68532831/status/1128818264862281733

Le polemiche post Atalanta-Lazio

In effetti la finale di Coppa Italia tra Atalanta e Lazio è stata caratterizzato, oltre che dalla grande festa biancoceleste, anche dalle polemiche atalantine per la mancata assegnazione di un calcio di rigore per un fallo di mano di Bastos. L’episodio è avvenuto sul risultato di zero a zero e con il calciatore della Lazio già ammonito.

calcio news

ultimo aggiornamento: 16-05-2019


Serie A, al via l’esperimento del VAR remoto ma le polemiche non si fermano

Caso De Rossi, il ripensamento (tardivo) di James Pallotta