Scontro tra il Pd e il Movimento 5 Stelle sulla legge elettorale. Nicola Zingaretti: “No al proporzionale puro, siamo pronti allo sbarramento”.

A una settimana circa da quello che dovrebbe essere il grande giorno pentastellato, ossia quello del voto finale sul taglio dei parlamentari, Pd e Movimento 5 Stelle iniziano a battibeccare sulla riforma della legge elettorale. E la questione non è da sottovalutare.

Taglio dei parlamentari e riforma della legge elettorale

La modifica della legge elettorale è infatti il contrappeso messo sul piatto dal Partito democratico per procedere con il taglio dei parlamentari, I dem hanno deciso di sostenere la battaglia dei nuovi alleati di governo a patto di procedere con la revisione della legge. Senza accordo tra le parti qualche tiratore franco potrebbe sparare contro il governo alla Camera, dove la maggioranza non è a rischio.

Camera dei deputati
Fonte foto: https://www.facebook.com/Cameradeideputati

Nicola Zingaretti, no al proporzionale puro

Sulla riforma della legge elettorale è intervenuto il segretario del Partito democratico Nicola Zingaretti, il quale si è fermamente opposto al proporzionale puro. Il numero uno dei dem ha ribadito di essere pronto allo sbarramento, consapevole che potrebbe portare a uno scontro con i pentastellati.

Nicola Zingaretti
fonte foto https://www.facebook.com/nicolazingaretti/

Scontro tra Pd e Movimento 5 Stelle sulla riforma delle legge elettorale

Se per il taglio dei parlamentari c’è la data, per la riforma della legge elettorale mancano ancora il giorno X e un piano preciso da seguire. Tradotto, la maggioranza di governo non ha ancora trovato un accordo sul nuovo sistema elettorale.

Il Pd ha chiesto al Movimento 5 Stelle di prendere posizione e di chiarire le proprie intenzioni, possibilmente prima del prossimo 7 ottobre, quando i dem, “a malincuore“, voterà il taglio dei parlamentari.

Incombe il referendum della Lega

Il Movimento 5 Stelle temporeggia e attende il risultato delle prossime elezioni regionali, ma il pressing della Lega inizia ad essere insistente e pericoloso. Il Carroccio ha già presentato in via ufficiale il testo del referendum per la trasformazione del Rosatellum in un sistema maggioritario che potrebbe complicare i piani del governo.

TAG:
primo piano

ultimo aggiornamento: 02-10-2019


Via il Crocifisso dalle scuole, Di Maio ‘scarica’ Fioramonti

Manovra, detrazioni solo con carte e novità sulle colf. Conte rassicura: “L’Iva non aumenterà”