Il messaggio di Sergio Mattarella ai prefetti alla vigilia delle celebrazioni del 2 giugno: Rafforzare la fiducia dei cittadini per le istituzioni democratiche.

Alla vigilia della festa del 2 giugno, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha inviato una lunga lettera ai prefetti per fare il punto sulla situazione del Paese.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Sergio Mattarella alla vigilia del 2 giugno: la lettera del capo dello Stato ai prefetti

Nei frenetici giorni in cui l’economia italiana sembra essere tornata nell’occhio del ciclone, Mattarella ha voluto sottolineare l’emergenza lavoro, ricordando le persone senza un’occupazione

“Siamo in un momento in cui, specie in alcune aree del Paese, le incertezze del ciclo economico sembrano non offrire solide prospettive a molti lavoratori, soprattutto giovani, ed alle loro famiglie”.

Sergio Mattarella
Sergio Mattarella

Il ringraziamento del Capo dello Stato alle associazioni di volontariato

Il secondo grande tema affrontato da Mattarella è quello della solidarietà. Il capo dello Stato ha voluto ringraziare le organizzazioni do volontariato attive sul territorio (di seguito il testo completo inviato da Mattarella ai prefetti)

“La condizione di donne e uomini in difficoltà […] è alleviata dalle reti di protezione sociale attive sui territori, spesso con il concorso generoso del volontariato e dell’associazionismo, che meritano la stima e il sostegno delle istituzioni”.

Mattarella Sergio
fonte foto comunicato stampa

Sergio Mattarella sulla sicurezza e il contrasto all’irrazionale violenza

Nel lungo messaggio scritto ai prefetti, Mattarella ha voluto rivolgere un appello anche alle Forze dell’Ordine.

“L’impegno delle forze di polizia rappresenta una leva fondamentale per rafforzare la fiducia dei cittadini nelle istituzioni democratiche e affrontarne le paure, prevenendo possibili spinte irrazionali alla violenza”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 01-06-2019


Inviata la lettera di risposta all’UE: no tagli al reddito di cittadinanza e quota 100

La denuncia dei Verdi: nascosti dati su 600 bambini nati con malformazione congenite