Il connazionale Luca Tacchetto e Edith Blais sono stati liberati in Mali dopo il rapimento in Burkina Faso a opera dello Stato islamico.

MALI – Luca Tacchetto e Edith Blais sono stati liberati. Lo riporta il New York Times. I due sono stati liberati in Mali.

Il rapimento di Luca Tacchetto

Il connazionale e la fidanzata canadese erano stati rapiti in Burkina Faso nel dicembre del 2018. I due erano scomparsi in un’area nota per essere una roccaforte della cellula locale dello Stato Islamico.

https://www.youtube.com/watch?v=QboyoLoM6KA

La scomparsa

Tacchetto e la ragazza stavano raggiungendo la capitale Ougadougou, a bordo di un’auto con targa italiana. Ad aspettarli c’era una coppia di amici. Da allora si erano perse le loro tracce. Il 15 dicembre, il giorno prima della scomparsa, erano stati nella città di Bobo-Dioulasso ospiti del francese Robert Guilloteau, un pensionato di 64 anni che si era trasferito nel paese africano dieci anni prima, dopo avere fatto l’agricoltore a La Rochelle.
I due erano impegnati in un viaggio turistico nella regione del Sahel. Il trasferimento in Mali probabilmente a opera di uno dei gruppi di contrabbandieri in contatto con milizie jihadiste che da anni sono presenti nella regione. Milizie che da tempo si sono affiliate all’Isis e a gruppi che negli anni hanno lavorato con Al Qaeda.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione


Coronavirus, 250 morti in un solo giorno: il bollettino

Nuovo esodo dal Nord Italia, Emiliano: “Rientrati 3.000 pugliesi in due giorni”. Sicilia chiede stop dei treni