Liliana Resinovich, una testimone inguaia il marito: "È stato un incidente"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Liliana Resinovich, una testimone inguaia il marito: “È stato un incidente”

Cadavere

Una nuova testimone sul caso di Liliana Resinovich potrebbe aver messo nei guai il marito della vittima, Sebastiano Visintin.

Una possibile svolta nel caso della morte di Liliana Resinovich, la donna scomparsa il 14 dicembre 2021 e ritrovata senza vita il 5 gennaio 2022. Il fatto di cronaca non ha ancora trovato risposte e tra le persone coinvolte c’è indubbiamente suo marito, Sebastiano Visintin, la cui figura è tornata in queste ore ad essere circondata da un alone di mistero a seguito di una nuova testimonianza riportata dalla trasmissione ‘Chi l’ha visto?‘.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Cadavere

Liliana Resinovich, spunta una nuova testimone

Nel corso dell’ultima puntata della trasmissione ‘Chi l’ha visto?‘ su Rai3, condotta da Federica Sciarelli, è stata portata a galla una nuova testimonianza che metterebbe nei guai il marito della compianta Liliana.

Il programma ha mostrato la “ricostruzione del verbale di informazioni rese da una nuova testimone”.

A parlare e dire la sua sarebbe la titolare di una struttura ricettiva: “Ho conosciuto Liliana e Sebastiano nel 2017. Tra il 2020 e il 2021 venivano spesso ed era nato un rapporto di amicizia. A luglio 2021 sono venuti e lui le ha chiesto di prendere le valigie. Lei non si è mossa subito. Sebastiano ha fatto un urlo molto forte e ha lanciato lo zaino a terra. Le ultime volte che l’ho vista Liliana mi chiese anche di darle la stanza con i letti separati perché non lo sopportava più“.

Ma a mettere nei guai ancora di più Visintin sono le parole seguenti: “Quando ho saputo che era scomparsa ci sono rimasta male. A dicembre ho chiamato Sebastiano chiedendogli perché non si fosse preoccupato e lui mi disse che ognuno faceva la propria vita. A seguito delle mie domande insistenti, si è innervosito e mi ha detto: ‘È stato un incidente‘, aggiungendo subito dopo: ‘Cosa sto dicendo? Non so più che cosa dico'”.

Tra gli altri passaggi della testimonianza anche le parole di Visintin che avrebbe affermato come il colpevole non sarebbe mai venuto fuori e che la sua frase ‘È stato un incidente’ era stata detta in un momento confusionale.

La replica di Sebastiano Visintin

Al netto della testimonianza della titolare di una struttura ricettiva, Visintin, raggiunto da una inviata di ‘Chi l’ha visto?’, ha smentito tali parole.

“Mi porti qua questa signora. Io non posso credere a quello che tu mi stai dicendo”, ha detto il marito della compianta Liliana. “Queste cose non sono interessanti, mi parli di cose che dicono le altre persone. Io mi devo preoccupare di questo? No, mi devo preoccupare di quello che mi dice la polizia, se ho fatto qualcosa che non va bene, io sono pronto a risponderne”.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 29 Febbraio 2024 13:35

Strage di Altavilla, Barreca shock: cambia versione sull’uccisione di moglie e figli

nl pixel