Lite tra Salvini e Ghali sugli spalti poco prima di Milan-Inter. Il leghista: “La società milanista si è scusata”.

MILANO – Lite tra Salvini e Ghali sugli spalti durante di Milan-Inter. In un video pubblicato sui social si vede una discussione tra il cantante e il leader della Lega. Le parole dai filmati non si capiscono, ma ci sono stati sicuramente gestacci tra i due.

Decisivo l’intervento degli steward, richiamati da Paolo Maldini, per riportare la calma tra i due, ma quanto successo sicuramente continuerà a far discutere in futuro.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

La versione di Salvini

Come detto, non si è capito le frasi. La Lega in una nota, riportata dal Corriere della Sera, ha precisato che “Salvini è stato aggredito verbalmente da Ghali durante il primo tempo di Milan-Inter. Il leader del Carroccio era in tribuna con il figlio e, subito dopo il gol del pareggio, gli si è avvicinato il rapper in stato di agitazione […]“.

Il cantante gli ha urlato una serie di insulti e di accuse farneticanti sull’immigrazione – ha aggiunto il partito di via Bellerio – ed è stato subito allontanato, tra lo sconcerto degli altri spettatori. La società del Milan si è scusata con Salvini e sul momento non aveva compreso il motivo di questo litigio“.

Matteo Salvini
Matteo Salvini

Il precedente scontro

Non è la prima volta che Ghali e Salvini si vanno a scontrare. La precedente discussione risale al 2019 quando in una sua canzone l’artista chiamava in causa lo stesso leader della Lega e il brano era ambientato proprio allo stadio con una frase come “alla partita del Milan ero in tribuna con gente. C’era un politico fascista che annusava l’ambiente […]“.

Parole che hanno portato subito la replica di Salvini con un tweet dove precisava: “Mi insulta ma la sua musica non mi dispiace, è grave?“. Ora la seconda parte di questa discussione proprio a San Siro.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

calcio news milan

ultimo aggiornamento: 08-11-2021


Tragedia a Trieste, barca affonda nel golfo: un morto e un disperso

Covid, il piano pandemico doveva essere applicato dal Ministero?