Cosa sappiamo sul Long Covid, la nuova emergenza dopo la diffusione del coronavirus: quali sono i sintomi, quanto dura e come si cura.

In questa nuova fase della lotta contro il nuovo coronavirus, molti esperti concordano sul fatto che la nuova emergenza sarà rappresentata dal Long Covid, ossia dagli effetti a lungo termine del virus che crea problemi anche dopo la guarigione. Arrivati al mese di luglio, si stima che il 10% dei pazienti Covid sia stato colpito dal long Covid.

Cos’è il Long Covid e quali sono i sintomi

Con il termine Long Covid si indicano i problemi di salute che si manifestano nei soggetti guariti. I sintomi possono manifestarsi poche ore dopo la negativizzazione o a distanza di giorni. In alcuni casi anche a distanza di settimane.

Per quanto riguarda i sintomi, come confermato dall’Iss, non è facile fare una panoramica completa anche perché lo spettro è ampio e la ricerca è ancora alle fasi iniziali.

Tra i sintomi comuni ci sono l’astenia, ossia un perenne senso di stanchezza o spossatezza, difficoltà respiratorie, dolori muscolari e articolari. Questi sono i primi campanelli d’allarme e sono quelli più facili da riconoscere. Ci sono poi problemi a livello neurologico e psichiatrico come ad esempio cali di concentrazione, vuoti di memoria e Ptsd, ossia il disturbo post-traumatico da stress, che sembrerebbe colpire soprattutto i soggetti che hanno trascorso un lungo periodo di tempo in terapia intensiva. In una percentuale ridotta del campione si registra ancora la perdita del gusto e dell’olfatto, che non rientra tra i sintomi comuni del Long Covid.

Il Long Covid colpisce anche gli asintomatici

In un primo momento si pensava che il Long Covid interessasse solo i soggetti che hanno affrontato una forma grave della malattia. Invece nel corso delle settimane e dei mesi sono emersi casi di Long Covid anche tra gli asintomatici, quindi persone che non hanno avuto un decorso grave della malattia.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Terapia intensiva coronavirus
Terapia intensiva coronavirus

Quanto dura il Long Covid

Anche per quanto riguarda la durata è impossibile tracciare un quadro definitivo. Sappiamo che molti pazienti manifestano sintomi anche a distanza di un anno dalla guarigione. Molti dipende dai sintomi che si sviluppano. I dolori muscolari e articolari evidentemente sono destinati a svanire prima di problemi legati alla mancanza di concentrazione, ad esempio.

In base ai dati a disposizione possiamo dire che in molti casi si bastano tra le due e le sei settimane per uscire dall’incubo del Long Covid. Ma ci sono anche casi accertati di pazienti che hanno avuto problemi per mesi, anche per un anno. E l’attività di monitoraggio è ancora in corso.

Le cause

Difficile al momento risalire alle cause. Le evidenze scientifiche dimostrano che il Covid non attacca solo i polmoni. Nei casi più gravi porta da una forte risposta antinfiammatoria che può lasciare il segno sugli organi colpiti. Gli organi a rischio, in base ai dati, sono il cuore, i reni e il cervello.

Come guarire

Ovviamente le modalità e le tempistiche della guarigione dipendono dai sintomi e dai problemi che emergono nel singolo paziente. In linea generale gli esperti consigliano di prestare la massima attenzione alla fase della riabilitazione, che nella fase dura dell’emergenza è stata in qualche modo trascurata o almeno non trattata con la giusta attenzione. Inoltre il consiglio è quello di rivolgersi al proprio medico nel caso in cui si registrassero sintomi sospetti. A quel punto sarà il medico ad indirizzare il paziente verso lo specialista più adatto in base alla diagnosi.

TAG:
coronavirus

ultimo aggiornamento: 22-07-2021


Variante Delta, arriva la nuova ondata. Ma sarà diversa dalle altre

Come scaricare il Green Pass