Luca Palamara ha annunciato la sua intenzione di candidarsi alla Camera alle prossime elezioni suppletive.

ROMA – Luca Palamara ha deciso di candidarsi alla camera alle prossime elezioni suppletive. L’ex magistrato in una conferenza stampa convocata nella sede del Partito Radicale ha annunciato la propria intenzione di correre nel collegio uninominale di Roma Monte Mario-Primavalle, lasciato libero dopo la nomina di Del Re (M5s) a rappresentante speciale dell’Ue per il Sahel.

Palamara: “Mi candido da cittadino libero”

Nella conferenza stampa, riportata dall’Adnkronos, Luca Palamara ha annunciato la propria intenzione di “mettersi a disposizione senza preclusione né per la destra, né per la sinistra e di candidarsi come cittadino libero per raccontare com’è la magistratura e iniziare un percorso di cambiamento […]. E’ stato un periodo di riflessione quello che ha portato alla mia candidatura. Tanti cittadini negli incontri pubblici mi hanno chiesto di raccontare ancor di più di quanto mi è successo […]“.

Ho deciso – ha aggiunto l’ex presidente dell’Anm – di far proseguire questo percorso iniziato un anno fa, da quando ho iniziato a raccontare la mia verità e ciò che ho visto da dentro. Roma deve riabilitarsi partendo da quelle realtà più periferiche. Bisogna portare in questi luoghi educazione alla legalità e rispetto delle regole per consentire ai giovani di crescere in un contesto sano […]“.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Camera dei Deputati Parlamento
Camera dei Deputati Parlamento

Palmara: “Voglio sposare le istanze del territorio della mia città”

Mi candido – ha concluso Luca Palamara – per rispondere alle esigenze dei cittadini che mi hanno chiesto di impegnarmi attivamente nelle mie battaglie. Lotterò per una giustizia giusta: continuerò a parlare ed andare avanti sia per la mia battaglia giudiziaria sia per i cittadini che non vogliono processi lunghi e ingiusti. La mia priorità è sposare le istanze del territorio della mia città, della città in cui sono cresciuto. Lo farò partendo dal basso questa volta“.


L’appello di Draghi agli italiani: “Vaccinatevi e rispettate le regole”

Cdm recepisce direttiva Ue sul copyright, diritto d’autore anche su digitale