Il Tribunale di Napoli ha sospeso le delibere che hanno portato alla modifica dello statuto e all’elezione di Conte leader del Movimento 5 Stelle.

Nuovi problemi per il Movimento 5 Stelle: il Tribunale di Napoli, accogliendo il ricorso presentato da alcuni attivisti in seguito alle delibere con cui erano state apportate modifiche allo Statuto ed era stato eletto Giuseppe Conte come nuovo leader del MoVimento.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Crisi nel Movimento 5 Stelle, il Tribunale di Napoli sospende l’elezione di Conte leader del MoVimento

Da Conte ai vice, sono state azzerate tutte le cariche del Movimento 5 Stelle. M5S decapitato, siamo all’anno zero: ora ritorna in vigore vecchio statuto, bisogna nominare il Comitato direttivo“, sono le dichiarazioni del legale che ha assistito gli attivisti nella causa legale contro le delibere del MoVimento. La sospensione disposta dal Tribunale di Napoli ha carattere cautelare, quindi la partita è ancora aperta.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

La motivazione che ha portato alla sospensione cautelare delle delibere: esclusi migliaia di attivisti

Le delibere in questione sono quelle adottate tra il 3 e il 5 agosto 2021. Con i provvedimenti in questione sono state apportate modifiche allo statuto e si è arrivati all’elezione di Giuseppe Conte come nuovo leader del MoVimento 5 Stelle.

Il Tribunale di Napoli ha sospeso i provvedimenti in questione per irregolarità nel processo decisionale. In particolare, stando a quanto emerso a mezzo stampa, una considerevole parte degli iscritti era stata esclusa dalla votazione. Questo non ha consentito di raggiungere il quorum. In particolare, erano stati esclusi dalla votazione gli attivisti iscritti da meno di sei mesi. Questa decisione ha modificato il quorum da raggiungere per approvare le delibere in questione.

Resta ora da capire cosa succederà ai vertici del Movimento 5 Stelle in attesa che si chiuda l’iter processuale.

Tribunale
Tribunale

La replica del Movimento 5 Stelle

L’interpretazione fornita dal Tribunale di reclamo contrasta la prassi consolidata nelle votazioni seguite dal Movimento e un indirizzo che mirava a scongiurare che la comunità fosse infiltrata da cordate organizzate ad hoc al fine di alterare le singole votazioni, complice anche la gratuità e semplificazione dell’iscrizione. Va chiarito, in particolare, che il provvedimento del Tribunale di Napoli non ha accertato l’invalidità delle delibere adottate, ma dispone, in via meramente provvisoria, la sola ‘sospensione’ delle suddette delibere“, si legge nella nota diffusa dal Movimento 5 Stelle. I pentastellati hanno poi fatto sapere che procederanno con un nuovo voto.

Il Movimento 5 Stelle presenta ricorso

Il Movimento 5 Stelle ha presentato ricorso contro la sospensione delle due delibere. La decisione del Tribunale di Napoli di fatto ha azzerato le nomine e ha annullato la nomina di Giuseppe Conte come nuovo leader del MoVimento.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 13-02-2022


Il governo Draghi compie un anno: cosa è successo in 12 mesi

Superbonus, arriva la stretta anti-frodi