Macron pensa ad un Recovery di guerra dopo lo scoppio del conflitto in Ucraina: i dettagli.

PARIGI (FRANCIA) – Macron lancia un Recovery di guerra dopo lo scoppio del conflitto in Ucraina. Alla Reggia di Versailles, come riferito dall’Ansa, si è deciso di dare il via libera ad un piano che consente all’intera Unione Europea di avere una visione completamente diversa entro maggio.

Alla base di questo piano naturalmente una risposta energetica più concreta e soprattutto una autonomia energetica. Due passaggi fondamentali per consentire all’Europa di non soffrire in caso di una rottura con la Russia.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Piano di Macron appoggiato dall’intera Ue

Il piano di Macron è subito stato appoggiato dall’intera Unione Europa. In questo incontro, inoltre, si è discusso anche della possibilità di mettere in campo ulteriori sanzioni soprattutto in caso di nessun passo indietro da parte della Russia.

La tensione con Mosca, quindi, continua ad essere molto alta e, almeno fino a questo momento, non si vedono spiragli di un cessate il fuoco. Insomma, un quadro non assolutamente semplice e non ci resta che aspettare i prossimi giorni per provare a capire meglio come si evolverà la situazione e quali saranno le decisioni.

Emmanuel Macron
Emmanuel Macron

Draghi: “Dobbiamo prendere decisioni”

Vertice di Versailles che ha visto la partecipazione anche del premier Draghi. Il presidente del Consiglio ha ricordato come “si devono prendere delle decisioni. Questo incontro porterà a discussioni strategiche e successivamente ci saranno i fatti“.

Non ci resta che aspettare i prossimi giorni per capire realmente quali saranno le decisioni e se davvero da parte dell’Unione Europea c’è voglia e intenzione di cambiare visto che ormai si è entrati da tempo in un mondo non assolutamente semplice.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 11-03-2022


Il confine tra Polonia e Ucraina è bollente

Draghi al vertice di Versailles: serve un’economia di guerra