Santo Stefano di Camastra, Messina: mamma e figlia impiccate, indaga la Procura di Patti. Trovata una lettera della donna.

Dramma a Messina, dove mamma e figlia sono state trovate impiccate. A lanciare l’allarme sarebbe stato il marito della donne. Indaga la Procura di Patti.

Messina, mamma e figlia impiccate

La tragedia si è consumata a Santo Stefano di Camastra, Messina, dove una donna e la figlia sono state trovate impiccate nella zona del Santuario del Letto Santo. A lanciare l’allarme sarebbe stato il marito della donna.

Avevo incontrato la signora ieri mattina in un supermercato, abbiamo scambiato due parole, mi sembrava tranquilla anche se era di fretta. La loro era una famiglia normale senza apparenti disagi, andavano d’accordo e non avevano particolari problemi“, ha dichiarato il sindaco di Santo Stefano di Camastra come riportato da Sky.

La lettera di addio della donna: “Porto via con me Alessandra”

Secondo quanto riferito dall’Adnkronos, prima di togliersi la vita la donna ha lasciato quella che potrebbe essere una lettera di addio. Nella lettera, come riferisce l’agenzia, la donna ha scritto “Porto via con me Alessandra“. Gli inquirenti dovranno capire se il messaggio della donna sia una lettera di addio o se si tratti semplicemente di un avviso al marito. La donna effettivamente sarebbe uscita di casa insieme con la figlia, quindi avrebbe semplicemente potuto aver lasciato una comunicazione al marito.

Polizia
Polizia

Le indagini

Sul caso indaga la Procura di Patti. Al momento l’ipotesi più probabile è quella di un omicidio-suicidio, anche se gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi. Il marito della donna è stato ascoltato dai carabinieri. L’uomo, evidentemente e comprensibilmente provato per la tragedia, ha confermato i rapporti complicati con la moglie. I magistrati disporranno l’autopsia sul corpo della donna e su quello della ragazza, appena adolescente, per chiarire le cause del decesso nella speranza di avere informazioni anche sulla dinamica.


Pavia, morti due operai: sono stati investiti da un getto di vapori tossici. Indagato il titolare dell’azienda

“Il Covid è stato creato in laboratorio, ci sono le prove”: lo studio che accusa la Cina