Manovra, la rimodulazione dell’Iva agita il governo. Il Movimento 5 Stelle si oppone a ogni tipo di correzione al rialzo. Irritazione di Palazzo Chigi.

Manovra, il Movimento 5 Stelle contro la rimodulazione dell’Iva. L’approvazione della Nota di aggiornamento del Def non ha spento le polemiche all’interno del governo sulla manovra. Anzi. La maggioranza giallorossa continua a discutere sulla rimodulazione dell’Iva, un termine che nasconde alcuni possibili ritocchi al rialzo poco graditi ai pentastellati e ai renziani.

Manovra, il Movimento 5 Stelle contro la rimodulazione dell’Iva

Ancora oggi sui giornali sentiamo parlare di ‘rimodulazione’ dell’Iva. Lo ribadiamo per l’ennesima volta: no a giochini e giri di parole, l’Iva non deve aumentare. Questo governo nasce su due principi fondanti: il blocco dell’iva e il taglio dei parlamentari. Se uno dei due viene meno, allora si perde il senso di questo governo“, hanno dichiarato fonti del Movimento 5 Stelle come riportato dall’Ansa.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Luigi Di Maio
fonte foto https://www.quirinale.it/elementi/35429

Laura Castelli: “Aumenti sterilizzati”

Parlando ai microfoni de la Stampa, Laura Castelli, vice ministro all’Economia, ha parlato della questione Iva evidenziando le zone d’ombra presenti nel Def.

“Nel Def c’è scritto chiaramente che gli aumenti dell’Iva saranno sterilizzati, ma il dibattito innescato sull’Iva dimostra che il problema esiste. Non è ragionevole che sulle patatine fritte ci sia l’imposta al 4%. O che sia al 10 quella sui prodotti da collezione. Tabù non ce ne devono essere, su nulla. Se il Parlamento riterrà opportuno fare un dibattito durante l’iter della Finanziaria, è liberissimo”

Boccia, le rimodulazioni si fanno

Francesco Boccia sembra andare invece in una direzione diversa se non addirittura contrastante. “Rimodulazioni sull’Iva si faranno perché oggi in questa imposta ci sono situazioni ingiuste. Bisogna rimettere a posto il catasto entro la legislatura, sebbene non in questa legge di bilancio, è un dovere. Chi vive a Centocelle ha il diritto di pagare in proporzione molto meno di chi vive in via Condotti. O spacciamo tutte le case come uguali? Siamo la sinistra non la destra“.

La posizione e l’irritazione di Palazzo Chigi

Sulla questione, nel tentativo di portare un po’ di chiarezza, è intevenuto anche Palazzo Chigi con una nota che non nasconde l’irritazione di Giuseppe Conte per le insinuazioni e le esternazioni di Renzi e Di Maio. Il governo non avrebbe mai pensato ad aumenti dell’Iva fini a sé stessi ma aveva ideato un piano di bonus e malus legati all’uso delle carte o dei contanti.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non


Manovra, i ticket sanitari si pagheranno in base al reddito

Via il Crocifisso dalle scuole, Di Maio ‘scarica’ Fioramonti