Maria Chiara Gavioli è stata trovata morta dalla collaboratrice domestica. Sarebbe stata colta da un malore improvviso.

È morta all’età di 47 anni Maria Chiara Gavioli, nota imprenditrice che il grande pubblico ha conosciuto soprattutto per la relazione con Massimiliano Allegri quando l’attuale tecnico della Juventus era ancora calciatore. Secondo quanto emerso, la donna sarebbe stata colta da un malore improvviso mentre si trovava a casa, nella sua abitazione a Treviso. L’ipotesi più accreditata è quella del decesso per cause naturali. Il corpo della donna è stato messo a disposizione dei familiari per i funerali, quindi non sono previsti esami.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Treviso, morta l’imprenditrice Maria Chiara Gavioli

Il corpo della donna è stato rinvenuto dalla collaboratrice domestica, che ha immediatamente contattato i soccorsi. Gli uomini del 118 non hanno potuto fare altro che constatare il decesso della nota imprenditrice.

L’ipotesi più accreditata è che la donna sia morta a causa di un malore improvviso, ma sarà possibile avere un quadro dettagliato e definitivo solo al termine degli accertamenti dei carabinieri.

Il corpo dell’imprenditrice è stato comunque messo a disposizione della famiglia. Questo indica il fatto che in realtà ci siano pochi dubbi sull’ipotesi della morte per cause naturali.

Ambulanza
Ambulanza

Le vicende giudiziarie

Gavioli è stata al centro di una complessa vicenda giudiziaria legata al crac di Enerambiente. Si tratta della società gestita dal fratello della donna. Gavioli fu accusata di bancarotta. La donna si sarebbe difesa dichiarando di non essere a conoscenza neanche dell’esistenza della società in questione. Una delle ultime tappe della complessa vicenda risale al mese di giugno del 2021, quando la Procura di Venezia chiese il rinvio a giudizio nei confronti di Maria Chiara Gavioli.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 21-01-2022


Morto Meat Loaf, icona del rock

Asti, uccise la mamma perché soffriva. Il giudice lo assolve