L’attrice italiana Matilda De Angelis ha parlato del suo problema di salute in un lungo post su Instagram. Scopriamo cos’ha rivelato.

La più grande battaglia di Matilda De Angelis, attrice italiana nota al grande pubblico per le sue partecipazioni in pellicole quali Veloce come il Vento (2016), Una vita spericolata (2018) e Il materiale emotivo (2021), era ignota fino a ieri. Proprio nella giornata di ieri, 12 luglio 2022, l’attrice italiana ha divulgato su Instagram un messaggio molto forte, legato al suo problema di salute. Questo il post di Matilda De Angelis.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il post dell’attrice

“Ho iniziato a soffrire di ansia ormai quasi tre anni fa”. Inizia così il post di Matilda De Angelis su Instagram. “La sensazione di stordimento che provoca è difficile da spiegare. Ho sentito per giorni e settimane un macigno sul petto che mi impediva di respirare, la sensazione che tutto attorno a me perdesse di senso, uno svuotamento emotivo feroce che non risparmiava nessun sentimento, bello o brutto che fosse, la paura di uscire di casa o di tornarci, perché ogni minimo cambiamento anche quotidiano poteva significare per me la rottura di un ‘equilibrio’ a cui mi aggrappavo per convincermi che andasse tutto bene”, afferma l’attrice.

Matilda De Angelis
Matilda De Angelis

“Per me l’acne è stato il sintomo di questo grande male, anche se per tanto tempo ho pensato che ne fosse la causa – ha scritto Matilda De Angelis – Bisogna imparare ad essere vulnerabili, a cercare aiuto, ad aprirsi rispetto alle proprie fragilità, a rispettare i tempi e gli spazi che ci sono consoni, bisogna imparare a non essere nemici di noi stessi, a rispettarci nelle nostre zone di luce come in quelle d’ombra”.

Io sto imparando che non posso controllare tutto nella vita e che prefissarmi costantemente uno standard di perfezione irrealizzabile in ogni ambito (lavorativo, sentimentale, ecc.) mi ha intossicato la mente – ha dichiarato inoltre l’attrice – Capire chi siamo, cosa vogliamo, di cosa abbiamo bisogno, quali persone, cose, situazioni ci fanno bene e quali no è necessario per crescere e guarire. E alla fine ridiamo, che col tempo tutto passa. O quasi”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 13-07-2022


Franceschini: “Progetto borghi per ripopolamento”

Dalla crisi, nasce unione olio di palma sostenibile