Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha parlato in occasione del 170esimo anniversario di fondazione della Polizia.

Il presidente Sergio Mattarella ha parlato in occasione del 170esimo anniversario dalla fondazione delle Forze di Polizia italiane, mandando un messaggio al Prefetto Lamberto Giannini, Capo della Polizia. Il Presidente ha parlato della legalità, della cybersicurezza e delle sfide che l’Italia deve affrontare per garantire la ripresa economica.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le dichiarazioni di Mattarella

“Nella fase di rilancio del Paese, risulta ora decisivo l’impegno affinché la ripresa economica, favorita dall’afflusso di ingenti risorse europee, non sia inficiata dai tentativi di infiltrazione criminale e da forme diffuse di illegalità. Essenziale in questa battaglia risulta la sinergia con le altre Forze di Polizia, le istituzioni locali e gli altri attori delle comunità locali, nell’ottica di una sicurezza partecipata”. Queste le parole di Sergio Mattarella al Capo della Polizia, Lamberto Giannini.

Sergio Mattarella
Sergio Mattarella

Mattarella ha inoltre parlato dell’importanza di contrastare il terrorismo nonché di promuovere la cybersicurezza. Il contrasto al terrorismo e la promozione della sicurezza informatica rappresentano ulteriori sfide, da raccogliere in collaborazione con le Forze di Polizia di altri Paesi”. Queste le dichiarazioni di Mattarella, che ha sottolineato l’importanza di una sinergia con gli altri Paesi, a livello di sicurezza.

Le parole di Lamorgese

In occasione della festa per i 170 anni della Polizia, il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese ha commentato la situazione attuale, parlando della guerra e delle sue conseguenze socio-economiche. La situazione di incertezza sul fronte economico e sociale che la guerra ha aperto, anche per i riflessi sul mercato energetico e sull’approvvigionamento di materie prime, potrebbe determinare un pesante impatto sulla produzione industriale, sulla crescita economica, sui livelli occupazionali e, quindi, sulla tenuta sociale del Paese.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 12-04-2022


Meloni “neonazista nell’anima”: “lo querelo”

Canfora: “Meloni non è nazista, ma neonazista, è diverso”