Matteo Renzi, clamoroso: arriva il sì alla mozione di sfiducia
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Matteo Renzi, clamoroso: arriva il sì alla mozione di sfiducia

Matteo Renzi

Analisi delle posizioni di Matteo Renzi sulle mozioni di sfiducia contro Salvini e Santanchè, tra politica, giustizia e garantismo.

La politica italiana si anima di nuovi confronti, con Matteo Renzi che prende posizione riguardo le mozioni di sfiducia a Salvini e Santanchè, delineando una netta distinzione tra politica e giustizia.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Matteo Renzi
Matteo Renzi

La decisione di Renzi: sfiducia a Salvini

Come riportato da ansa.it, Renzi afferma: “Votiamo sì alla sfiducia a Salvini perché contesta il posizionamento politico di Salvini sulla Russia.” Questa decisione riflette una critica ben precisa, non solo verso le politiche di Salvini, ma anche contro l’ipocrisia percepita in altri partiti, come il Movimento Cinque Stelle, che pure avevano mostrato simpatie verso la Russia. “Ci scappa da ridere a pensare che questa mozione sia firmata anche dal Movimento Cinque Stelle… Ma noi facciamo politica e dunque l’ipocrisia grillina non ci interessa,” aggiunge Renzi, sottolineando una volontà di trascendere le contraddizioni politiche per concentrarsi sul merito delle posizioni.

Situazione diversa per Daniela Santanché

Contrastando la decisione sulla sfiducia a Salvini, Renzi esprime un deciso no alla sfiducia contro Daniela Santanchè, basata su indagini giudiziarie. Renzi precisa: “E noi non chiediamo le dimissioni per un avviso di garanzia o per un rinvio a giudizio. Il garantismo è tale se si applica a tutti, soprattutto agli avversari.” Questo approccio si propone come un faro di principi in un mare di opportunità politiche momentanee, distaccandosi dalla “doppia morale” di chi, come Santanchè stessa, ha fatto della richiesta di dimissioni per indagini giudiziarie una prassi contro avversari politici.

Votiamo no alla sfiducia basata sul giustizialismo,” conclude Renzi, delineando una linea di coerenza che mira a distinguere chiaramente tra sfere politica e giudiziaria, promuovendo un approccio più etico e meno opportunistico alla politica.

Attraverso le sue parole, Renzi propone un modello di politica basato su principi di coerenza e garantismo, invitando ad una riflessione più profonda sui fondamenti dell’agire politico, oltre le immediate contese di potere.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 3 Aprile 2024 13:31

Salvini, lettera di fuoco dai militanti leghisti: no a Vannacci, fasci e svastiche

nl pixel