Dopo gli scontri della scorsa settimana oggi l’incontro tra Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi. “O ci sono le condizioni o si torna dagli elettori”.

“È un percorso pieno di ostacoli ma non ci arrenderemo mai, la sinistra si metta l’anima in pace” ha detto Giorgia Meloni in riferimento alle tensioni con Silvio Berlusconi della scorsa settimana. Un fine settimana in cui FdI e FI hanno lavorato per trovare una soluzione e procedere spediti verso un nuovo governo senza inciuci. Tutto deriva dal no della futura premier alla forzista Ronzulli che ieri in serata ha dichiarato “Il mio caso non è mai esistito o non esiste più”.

L’obiettivo di Giorgia Meloni è salire il più presto al Quirinale con la lista di ministri di alto profilo per formare un governo inattaccabile e credibile per dare risposte in tempi brevi ai suoi elettori. Né FdI né il centrodestra può permettersi questi inciuci e di perdere tempo. La stessa tesi circola in via della Scrofa. “Non sono possibili inciuci né governi anomali. Vede, quando Giorgia ha detto di non essere ricattabile alludeva esattamente a questo, parlava di dinamiche politiche” ha dichiarato a Repubblica Francesco Lollobrigida.

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

“O ci sono le condizioni o si torna dagli elettori”: la posizione netta di Fratelli d’Italia

Il capogruppo FdI ha continuato dicendo che è “Inaccettabile pensare di far mancare i numeri per fare quello che vuoi tu. Non è un metodo che porta a una conciliazione”. Lollobrigida ha anche detto: “Se ci saranno queste condizioni, bene. Altrimenti neppure ci proviamo. E torniamo dagli elettori, riproponendo a quel punto una coalizione diversa dall’attuale ma ripartendo, per quanto riguarda FdI, dal consenso che abbiamo avuto.”

Anche il capogruppo uscente di FdI Ciriani ha fatto dichiarazioni sulla stessa linea. “Conosco Giorgia Meloni da anni e il suo carattere, non è in politica per essere tirata per la giacchetta un giorno sì e l’altro pure: o ci sono le condizioni per un governo forte o meglio neanche iniziare”. Il senatore ha continuato augurandosi un “chiarimento definitivo”: “la gente ha votato una coalizione e il nostro elettorato non capisce queste baruffe, noi abbiamo avuto un mandato fortissimo e non possiamo tradire questa fiducia, gli italiani ci chiedono tempi brevi. Lancio un appello alla serietà da parte di tutti: sono convinto che andremo insieme alle consultazioni, siamo una coalizione”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 17-10-2022


Meloni-Berlusconi: un weekend di trattative

Il taglio dei parlamentari fa risparmiare 60 milioni