I due leader appartengono a due partiti opposti e a due differenti coalizioni eppure sono così simili.

Giorgia Meloni ed Enrico Letta spesso visti insieme a presentazioni e altri eventi, sono sempre più accumunati. Il loro principale punto in comune sono i numeri a loro favore: sono i leader dei partiti più forti in Italia in questo momento. Fratelli d’Italia qualche spanna sopra il Pd ma si contendono la maggior parte dell’elettorato. Ma non è solo questo ciò che li rende molto simili.

In un contesto politico molto miscellaneo si fa fatica a tracciare le linee dei partiti e soprattutto a decretarne i valori e i principi di uno e dell’altro. In questo, sembrano camminare lungo una linea retta entrambi i partiti sia di Meloni che di Letta. Entrambi in questo conflitto hanno dichiarato il loro fervente atlantismo e la loro piena condanna alla Russia rimarcando il sostegno all’Ucraina anche attraverso un incondizionato invio di armi.

Enrico Letta
Enrico Letta

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Un patto per evitare forzature

Secondo l’analisi di Follini sull’Adnkronos, i due sono uniti anche dal fatto che avrebbero mandato al Quirinali il premier Draghi anche se non lo hanno mai ammesso. Inoltre, fanno parte di vecchie scuole politiche e in questo momento di confusione e crisi si sta vedendo la loro esperienza nel mantenere la rotta. Ed è proprio questa fedeltà, ognuno alla sua linea, che li unisce maggiormente. La consapevolezza che non si troveranno mai insieme. Senza il bisogno di sbandierarlo per poi scongiurarlo come è accaduto ad altri partiti che avevano detto “mai con…” e poi si sono ritrovati a governare con quel partito più volte.

Tra Enrico Letta e Giorgia Meloni scorre la complicità della loro tacita avversità perenne e coerente. Sono loro due i leader che dovranno decidere come andranno le cose per la prossima legislatura. Chi al governo e chi all’opposizione c’è da decidere una sorta di codice comportamentale basata sul rispetto reciproco evitando forzature che stanno costando fatica ad entrambi (M5S per il Pd e Lega e FI per FdI).

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 23-05-2022


M5S pensa al re-branding dopo le amministrative

Lite Salvini-Gelmini: il leghista difende Berlusconi