Il messaggio della Regina Elisabetta in occasione dell’anniversario della fine della Seconda Guerra Mondiale.

LONDRA (INGHILTERRA) – “Mai arrendersi, mai disperarsi“. E’ questo il messaggio che la Regina Elisabetta ha voluto mandare ai suoi sudditi in occasione del 75esimo anniversario della fine della Seconda Guerra Mondiale.

La sovrana in questo intervento pubblico ha fatto un paragone tra il conflitto e il coronavirus chiedendo ai cittadini di non arrendersi e combattere per un futuro migliore.

Regina Elisabetta: “La guerra fu totale, nessuno immune”

Il messaggio della Regina è arrivato “dalla stessa scrivania e alla stessa ora in cui lo fece mio padre. Il suo messaggio allora fu un saluto agli uomini e donne a casa e all’estero, che sacrificarono così tanto per ciò che chiamò la Grande Liberazione. La guerra fu totale nessuno ne fu immune. Le famiglie furono separate, fu chiesto alle persone di seguire nuove regole e misure per supportare la guerra, tutti avevano un ruolo da seguire“.

E aggiunge: “Il messaggio del VE Day era: mai arrendersi, mai disperarsi“.

Regina Elisabetta e Filippo
Regina Elisabetta e Filippo

“Le strade sono piene di amore”

La Regina ha voluto mandare un messaggio ai suoi sudditi alle prese con il coronavirus: “Può essere difficile non poter celebrare questo anniversario come avremmo voluto, li ricorderemo nelle nostre case. Le strade non sono vuote, sono piene dell’amore e della cura che abbiamo l’un l’altro. Quando guardo il Paese vedo che siamo disposti a fare di tutto per proteggerci e supportarci. Dico con orgoglio che siamo la nazione che quei coraggiosi soldati, marinai e aviatori riconoscerebbero e ammirerebbero“.

E conclude: “Il più grande tributo al sacrificio dei soldati nella Seconda Guerra Mondiale è che Paesi che erano nemici ora sono amici e lavorano a fianco a fianco per la prosperità“.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.


David di Donatello, Mattarella: “Il cinema è l’arte del sogno”. Tutti i vincitori 2020

Giorno della Memoria delle vittime del terrorismo, Mattarella: “Ricordare è un dovere”