La presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola, ha postato un tweet che non farà per niente piacere a Vladimir Putin.

Il momento geopolitico che stiamo vivendo è drammatico. La Russia è completamente isolata a livello europeo, eppure Putin continua con la sua linea dura contro tutto e tutti. I negoziati di pace legati alla guerra in Ucraina non sembrano essere a buon punto, e l’Europa si è stancata di questo muro a muro tra Putin e l’Ucraina. La colpa, secondo l’Ue, è chiaramente di Putin. Da ciò, si studiano nuovi modi per punire la Russia. L’ennesima dimostrazione del clima di tensione tra Europa e Russia sta nell’ultimo tweet di Roberta Metsola, presidente dell’europarlamento, che ha annunciato quanto segue.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Il tweet della presidente

“Con effetto immediato, i rappresentanti delle società russe non possono più entrare nei locali del Parlamento europeo. Non dobbiamo concedere loro alcuno spazio per diffondere la loro propaganda e narrazioni false e tossiche sull’invasione dell’Ucrainae “rimarremo uniti e determinati contro gli autocrati”. Questo il tweet al veleno di Metsola, che ha messo in chiaro la situazione dell’Europa nei confronti della Russia.

Europa Unione europea
Unione europea

L’energia e la difesa

Le dichiarazioni precedenti di Metsola riguardano il problema dell’energia, con la presidente che ha detto quanto segue. Il nostro obiettivo deve rimanere quello di svincolarci dall’energia russa. Dobbiamo restare saldi e iniziare a pianificare il nostro impegno a lungo termine – ha asserito Metsola – al di là del bisogno d’aiuto immediato per l’emergenza in Ucraina”. La presidente Ue ha poi parlato di difesa: “Sarà necessario aumentare i nostri bilanci per la difesa e dobbiamo capire in che modo reindirizzare al meglio i fondi comuni verso il miglioramento della nostra capacità di difesa”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Guerra in Ucraina

ultimo aggiornamento: 02-06-2022


Merkel: “Barbara guerra di aggressione in Ucraina”

Ucraina. Orban dichiara: “Su Kirill, rispetteremo decisione Ue”