Microsoft comunica che i pirati informatici che hanno condotto l’attacco lo scorso 14 dicembre hanno violato il codice sorgente.

Microsoft comunica che nell’attacco informatico condotto lo scorso 14 dicembre e attribuito ai russi, i pirati informatici hanno violato il codice sorgente, arrivando di fatto al cuore del software senza però riuscire a modificarne o comprometterne l’utilizzo. La società aveva riconosciuto e denunciato l’attacco ma non aveva reso noto che i pirati erano riusciti ad arrivare fino al codice sorgente.

Microsoft, pirati di SolarWinds hanno violato il codice sorgente

Si tratta di un nuovo dettaglio del grande attacco informatico condotto lo scorso 14 dicembre ai danni di diverse aziende statunitensi. Le autorità americane hanno accusato la Russia per questo attacco, con Mosca che ha puntualmente respinto le accuse. A più i dieci giorni di distanza dall’attacco informatico, si stanno ancora mettendo insieme i pezzi di questo cyber-attacco su vasta scala.

Microsoft ha fatto sapere che i pirati informatici sono riusciti ad avere il codice sorgente del software ma che non sono stati in grado di comprometterne l’uso. Gli hacker avrebbero approfittato di una falla che sarebbe stata rintracciata nella piattaforma Orion, di SolarWinds. Si tratta di una piattaforma utilizzata per il monitoraggio delle reti.

spegnere il computer
Fonte foto copertina: https://pixabay.com/it/photos/hacking-hacker-computer-internet-1685092/

Rilevata attività insolita con un piccolo numero di account

Abbiamo rilevato un’attività insolita con un piccolo numero di account interni e, dopo averla esaminata, abbiamo scoperto che un account era stato utilizzato per visualizzare il codice sorgente in una serie di repository di codice sorgente“, ha comunicato l’azienda con un post pubblicato sui canali ufficiali come riportato da RAI News.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
cronaca economia Microsoft

ultimo aggiornamento: 01-01-2021


Bonus sociale, cosa cambia con lo sconto in bolletta

Fisco, 23 miliardi di crediti Irpef: è record