La situazione a Lampedusa appare drammatica. Gli sbarchi dei migranti si accavallano senza sosta. Autorità impegnate a soccorrere le barche.

Le imbarcazioni arrivano chiaramente dalla Libia e dalla Tunisia. Nel corso della notte, sarebbero arrivate 192 persone, soccorse dalle motovedette della Guardia costiera e delle Fiamme gialle. Sulla prima tornata libica, partita da Zuwara, si contavano ottantotto migranti: bengalesi, egiziani, siriani, pakistani e marocchini. Tra questi, quattro donne e tre bambini. Sulla seconda barca, c’erano ventuno tunisini; sulla terza, ben 83 migranti provenienti da Egitto, Benin, Togo e Guinea. A bordo, anche cinque bambini.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Contrada Imbriacola

Tutti i migranti sbarcati nella notte, sarebbero stati trasferiti presso l’hotspot di contrada Imbriacola, centro che continua ad accogliere, pur versano in condizioni di estrema difficoltà, nonostante la decisione di trasferire una parte degli ospiti. Attualmente, si contano 1.793 migranti, di fronte a 350 posti disponibili. Intanto, 600 persone sono state imbarcate a bordo del pattugliatore Diciotti, in direzione Porto Empedocle. La Prefettura di Agrigento, ha preventivato il trasferimento di altri 150 migranti con la nave Foscari della Marina militare, che verrà effettuato nel pomeriggio.

Migranti
Migranti

Intanto, restano ancora in mare le navi delle Ong, che hanno tratto in salvo centinaia di persone dai naufragi nel Mediterraneo, chiedendo di poter sbarcare in un porto sicuro. Queste, contano in totale 1.421 persone a bordo. Per la Geo Barents di Medici senza frontiere, scattato il nono salvataggio in poche ore, per un totale di 596 migranti sulla nave umanitaria. La Ocean Viking di Sos Mediterranee ha 387 persone a bordo, tra cui 150 minori, mentre in 438 aspettano di sbarcare sulla Sea Watch 3.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 28-07-2022


Emergenza Po: il grande fiume non esiste più

Papa Francesco: “fermare le guerre, le armi non portano pace”