Barcone con cinquanta migranti al largo della Libia. L’allarme delle Ong: Persone incoscienti a bordo. Non lasciamoli affogare. Interviene la Guardia Costiera libica.

Torna alla ribalta il caso migranti. Arriva dalle Ong la segnalazione di un barcone con cinquanta persone a bordo in difficoltà nel Mediterraneo, al largo delle coste della Libia.

Migranti
Fonte foto: https://www.facebook.com/Mediterranearescue/

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

La comunicazione da Alarm Phone

A lanciare l’allarme è stato come di consueto Alarm Phone, il servizio di assistenza marittima, il numero verde per le imbarcazioni in difficoltà.

Di seguito il tweet con il primo appello lanciato da Alarm Phone

Migranti in difficoltà al largo della Libia, la denuncia dell’Ong Mediterranea Saving Humans

La notizia è stata ripresa immediatamente dall’Ong Mediterranea che ha fatto sapere di aver allertato le autorità ma di non aver ricevuto alcuna risposta.

“Imbarcazione in difficoltà. Alarm Phone ha ricevuto comunicazione di una barca di legno con 50 persone di fronte alla Libia. Sta imbarcando acqua, due persone incoscienti. Le autorità sono già state informate alle 11:12CEST, nessun accenno al soccorso. Non lasciamole affogare”.

Di seguito il tweet delle Mediterranea che ha poi confermato l’intervento della Guardia Costiera libica.

Stando a quanto appreso, non dovrebbero esserci imbarcazioni della Marina militare italiana nei pressi del barcone alla deriva nel Mediterraneo. Non sarebbero presenti neanche imbarcazioni maltesi, e le operazioni di soccorso dovrebbero spettare alle autorità libiche.

Migranti soccorsi dalla Guardia Costiera libica

La situazione si è risolta e conclusa con l’intervento delle autorità libiche che hanno intercettato il barcone e hanno soccorso le persone che si trovavano a bordo accompagnandole nei centri sul territorio libico.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 04-06-2019


Bufera sulle Procure, altri due consiglieri del Csm indagati

Giallo a Roma, cadavere carbonizzato trovato tra i rifiuti