Tra campo e mercato, Milan in emergenza: la scelta di Marco Fassone.

L’ennesima sconfitta in uno scontro diretto, riporta in alto il livello dello stato d’allerta in casa Milan, dove ognuno è chiamato agli straordinari per provare a raddrizzare il corso di una stagione dal bilancio parziale deludente. Se Montella deve trovare la quadratura del cerchio in tempi brevi, Marco FassoneMassimiliano Mirabelli devono decidere se e come muoversi in vista del mercato di gennaio.

Emergenza a destra ma non si investe Fabio Borini rende e Conti… corre

L’intenzione dei dirigenti rossoneri è quella di non spendere soldi per colmare il vuoto lasciato da Andrea Conti sulla corsia di destra. Fabio Borini, seppur con caratteristiche diverse, sta ben figurando e Abate è considerata una valida alternativa. Il recupero di Conti inoltre sembra poter essere anticipato rispetto alla tabella di marcia stilata dai medici, quindi il Milan preferisce investire lì dove ritenuto strettamente necessario senza disperdere soldi preziosi.

L’attacco è un’incognita

Il reparto offensivo del Milan continua a essere un’incognita: non si capisce se i giocatori non sono validi, non sono adatti al nostro campionato (discorso che non può essere fatto per Nikola  Kalinic) oppure il problema è Vincenzo Montella. Considerati anche i trequartisti, l’unico che rende è Suso, una delle poche certezze della scorsa stagione. Se Kalinic e Aandre Silva danno segni di vita, Calhanoglu continua a faticare. E il Milan potrebbe mettere le mani su un sostituto… top!

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
calcio Marco Fassone mercato milan Vincenzo Montella

ultimo aggiornamento: 19-11-2017


Milan in apprensione per Suso, Europa League a rischio

SERIE A TIM: Napoli-Milan 2-1, le pagelle!