Milan: inizia la seconda parte di rivoluzione
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Milan: inizia la seconda parte di rivoluzione

Giorgio Furlani

Il Milan è deciso a rafforzare l’attacco e la difesa per continuare a competere ai massimi livelli, ecco chi.

Il Milan è una squadra che non solo guarda al presente, ma proietta il suo sguardo anche al futuro, soprattutto quando si tratta di rinforzare determinate aree del campo. Una delle questioni più pressanti riguarda la posizione di centravanti, un tema che si protrarrà non solo per l’immediato ma anche per la prossima stagione.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Giorgio Furlani
Giorgio Furlani

Analisi delle opzioni in attacco

Olivier Giroud da solo non può sopperire a tutte le esigenze offensive, dato che Okafor è più un attaccante esterno e Luka Jovic finora non è riuscito a lasciare il segno desiderato. Questa riflessione è d’obbligo, soprattutto se il Milan vuole continuare a lottare per lo scudetto e avanzare il più possibile in Europa League. Con gennaio che si avvicina, il club rossonero inizia a valutare alcune opzioni. Mehdi Taremi del Porto è sicuramente uno dei nomi sulla lista, nonostante il suo contratto con il club portoghese si estenda fino al 2024.

Un altro giocatore che ha catturato l’attenzione è Serdar Guirassy, l’attaccante dello Stoccarda che, acquistato dal Rennes per 9 milioni di euro, ora ha un valore di mercato molto più elevato. La sua clausola liberatoria di circa 18 milioni di euro, esercitabile già a gennaio 2024, rende l’operazione una possibilità concreta. Inoltre, il suo ingaggio è decisamente alla portata del Milan, rendendo Guirassy una opzione allettante.

Focus su difesa: Djalò nel mirino

Guardando oltre l’attacco, una potenziale opportunità per rinforzare la difesa potrebbe arrivare da Tiago Djalò. Il giovane difensore del Lille, dopo una rottura del legamento crociato del ginocchio destro subita a marzo, è ora in fase di recupero. Con un contratto in scadenza il prossimo 30 giugno, Djalò è un profilo interessante, già seguito da club del calibro di Inter e Juventus. Sebbene il suo rientro sia atteso con ansia per valutare le sue condizioni fisiche, le sue potenzialità sono indiscutibili e potrebbero rappresentare un significativo rinforzo per la retroguardia rossonera.

Con queste valutazioni in atto, il Milan mostra una chiara visione strategica, mirando a mantenere un alto livello di competitività sia a breve che a lungo termine.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 28 Dicembre 2023 15:39

Emergenza difesa Milan shock: le soluzioni in attesa di Gabbia

nl pixel