Milan-Inter, il 5-0 nel derby di Coppa Italia

5 paesi low cost dove rifarsi una vita

Nella Coppa Italia 1997/98 il derby Milan-Inter vale l’accesso alla semifinale del torneo. All’andata è un monologo rossonero aperto da Albertini e chiuso da Nielsen. A segno vanno anche Ganz e Savicevic.

La stagione 1997/98 vede il ritorno sulla panchina rossonera di Fabio Capello, guida tecnica del Milan degli Invincibili capace di vincere 4 scudetto e una Champions League in cinque anni. Dopo l’addio in favore del Real Madrid, il Diavolo vive una stagione disastrosa che passa da Tabarez a Sacchi e che si chiude con l’11° posto in campionato. Per provare a riportare il Milan ai livelli del decennio precedente Berlusconi convince il tecnico di Pieris a fare ritorno a Milanello.

Grandi premesse

I rossoneri, senza Baresi e Tassotti, si lanciano sul mercato ingaggiando giocatori dal grande potenziale, come Kluivert, Ziege, Ba e Leonardo. Ben presto, però, il Milan deve rivedere i propri progetti perché in campionato il ritardo dalle prime posizioni si fa ampio dopo sole poche giornate. Ecco allora che la Coppa Italia assume un’importanza di rilievo.

Inter al tappeto

Dopo aver superato Reggiana e Sampdoria, i rossoneri arrivano ai quarti dove trovano i cugini nerazzurri. Milan-Inter vale pertanto l’accesso alle semifinali del torneo. L’andata è in programma l’8 gennaio 1998. In campo ci va da subito Ganz, attaccante passato pochi giorni prima dalla sponda nerazzurra a quella rossonera dei Navigli. La gara è senza storia e viene sbloccata da Albertini su calcio di rigore alla mezz’ora. Dopo pochi minuti arriva il raddoppio proprio con l’ex Ganz che trafigge Pagliuca con un preciso sinistro. Poco prima dell’intervallo il Milan cala il tris: Sartor sbaglia nel disimpegno e serve Savicevic che batte il portiere con un potente mancino al volo. Nella ripresa c’è ancora spazio per l’autorete di Colonnese (nel tentativo di anticipare Ganz) e per il 5-0 definitivo da Nielsen su punizione.

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 27-12-2017

Fabio Acri