Milan-Ludogorets, Gennaro Gattuso in conferenza stampa

Europa League, Milan-Ludogorets: la conferenza stampa di Gennaro Gattuso e Ricardo Rodriguez alla vigilia del match.

Tempo di vigilia a Milanello con Gennaro Gattuso in conferenza stampa nel giorno che precede la sfida di Europa League contro il Ludogorets.

Milan-Ludogorets, la conferenza stampa di Gennaro Gattuso

Gattuso, partita difficile – Noi la partita la prepariamo oggi ma la preoccupazione più grande è quella di sottovalutare la partita contro una squadra che ha giocatori veloci che ci possono mettere in difficoltà“.

Ricardo Rodriguez, sul momento della squadra – Io credo che stiamo facendo bene, stiamo giocando bene. Io vorrei sempre giocare, alla fine decide il mister. Io voglio fare bene. Dobbiamo stare con i piedi per terra e pensare a partita dopo partita“.

Gattuso sull’Europa League – Dobbiamo pensare a domani. In Europa bisogna essere anche fortunati nei sorteggi. Adesso pensiamo a passare questo turno, dopo vedremo“.

Gattuso sul turnover – Voglio vedere in campo quello che tocco con mano la settimana, questo mi aspetto da chi giocherà. Ho letto di alcuni ragazzi della Primavera: non giocheranno e non saranno neanche convocati, rispettiamo il Ludogorets e sappiamo che sarà una partita difficile“.

Ricardo Rodriguez, le insidie sulle corsie esterne – Loro sono veloci, dobbiamo giocare come sappiamo, fare gol quando possiamo così sarà difficile per loro. Noi dobbiamo rimanere concentrati per 90′“.

Gattuso, il morale della squadra – Il 3-0 dell’andata è stato un risultato bugiardo, abbiamo sofferto tantissimo, il primo tempo è stato complicato e siamo stati fortunati a trovare il primo gol al termine del primo tempo. Loro sanno giocare a calcio, non possiamo pensare di essere già qualificati. Da giocatore mi è capitato di pensare vincere 3-0, poi sapete bene come è andata“.

Gattuso sulle voci legate alle società Non mi preoccupano le voci, lo stipendio arriva in anticipo, a livello organizzativo non ci manca nulla. Nelle casse del club i soldi ci sono, non invento nulla. Vi dico una cosa: il Milan ha pagato Andre Silva con due mesi di anticipo, il Porto è rimasto stupito“.

Ricardo Rogriguez sul rigore sbagliato – Ho sbagliato il rigore, credo che sia stato bravo il portiere. Io non mi nascondo, quando posso tirare tiro. Sono felice per Gattuso, mi ha consolato“.

Gattuso su Ricardo Rodriguez – Può fare molto di più. Ha forza, tecnica e una gran testa. Non deve aver paura di far fatica. Quando si sente stanco a volte si accontenta“.

La risposta di Rodriguez – Credo che abbia ragione il mister, posso fare di più ora che tutti stiamo meglio“.

Gattuso sull’importanza delle tre competizioni – Non si può sbagliare in nessuna competizione, non possiamo sbagliare. Inseguiamo in campionato, se usciamo contro la Lazio siamo fuori dalla TIM Cup. È una stagione difficile. Adesso sembra facile commentare la partita con il Ludogorets ma prima ero stato criticato per il poco turnover. Domani le scelte saranno fatte anche per far recuperare qualcuno“.

Gattuso su Cutrone – Cutrone ha vent’anni, il recupero è migliore rispetto a un giocatore di trenta. Ieri si è allenato a mille all’ora, non ha dato segnali di stanchezza, sta in buone condizioni“.

Caso Andre Silva – In questo momento lo faccio lavorare di più, si ferma in settimana a fare lavoro in più, a volte bisogna fermarlo, Contro la Sampdoria ho visto un buon Andre Silva, ha giocato con fisico e qualità. Poi gli attaccanti hanno bisogno dei gol. La voglia c’è, secondo me si può sbloccare. Credo fortemente che sia un giocatore forte. Domani ha una grande occasione, gioca 90’minuti. Ho capito che tipo di ragazzo è, riesco a interagire con lui“.

Gattuso sul rinnovo – Non ci penso al rinnovo. Mi hanno messo loro qua, mi hanno voluto Mirabelli e Fassone, potevano scegliere nomi più importanti di me, io li ringrazio ma non mi permetterei mai di andare da loro oggi a parlare del mio contratto. È vero che sono il tecnico meno pagato della Serie A ma ho un contratto anche per il prossimo anno, e questo è un dato di fatto. Anche io devo migliorare molto, per questo non andrei mai a parlare di contratto“.

Gattuso sul passato  – I miei meriti nel passato? La Serie B e la Serie C non sono seguite. Sono rimasto a casa per una scelta mia, ho ricevuto offerte anche dalla Serie B, significa che qualcuno che mi apprezzava c’era. Se credevo in questi anni di non essere capace me ne stavo a casa, non andavo a perdere tempo“.

Le difficoltà di Manuel Locatelli – Nell’ultimo mese ha fatto più minuti Locatelli di Montolivo ma il centrocampo è il reparto dove abbiamo toccato meno. Non deve perdere l’entusiasmo, è un classe ’98. Le energie deve spenderle sul campo, sta imparando anche delle cose nuove, mi piacerebbe vederlo più avvelenato“.

ultimo aggiornamento: 21-02-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X