Montella e la rivoluzione rossonera. Ai tempi della Fiorentina…

L’attuale tecnico del Milan, Vincenzo Montella, si appresta a lavorare con una rosa rivoluzionata dal mercato in grande stile dei rossoneri. Per l’Aeroplanino c’è già un precedente che fa ben sperare…

chiudi

Caricamento Player...

A ognuno il suo. I dirigenti del Milan hanno operato un grande mercato che non sembra ancora terminato; i giocatori dovranno dimostrare le loro qualità sul campo; l’allenatore è chiamato a trovare rapidamente la giusta amalgama. Nel caso di Vincenzo Montella, la difficoltà maggiore sembra infatti quella di dover gestire al meglio praticamente una nuova formazione che varcherà i cancelli di Milanello. Con gli acquisti del duo Fassone-Mirabelli, infatti, i rossoneri potrebbero scendere in campo così: A. Donnarumma, Conti, Musacchio, Bonucci, Rodriguez, Kessié, Biglia, Calhanoglu, Borini e André Silva. Manca il numero 11 che sarà un altro attaccante. In ogni caso, per Montella, un problema che vorrebbe avere qualsiasi allenatore…

L’esperienza di Firenze…

Il Milan, che nutre la massima fiducia nell’Aeroplanino, spera che il tecnico campano possa ripetere quanto fatto ai tempi della Fiorentina. Montella, al termine della stagione 2011/12, porta il Catania all’11° posto con 48 punti, stabilendo il record degli etnei: le doti dimostrate alla guida dei rosablu convincono la Fiorentina a ingaggiare il giovane allenatore. I Viola, sono reduci da un pessimo campionato che li ha visti a lungo gravitare vicino alla zona retrocessione, prima di rialzarsi nel finale. Il compito di Montella è dunque quello di riportare in posizioni importanti i toscani. Il nuovo corso dei Della Valle opera una rivoluzione: via Montolivo, Cerci, Vargas, Lazzari, Behrami, Gamberini e Nastasic, dentro Viviano, Roncaglia, Gonzalo Rodriguez, Savic, Cuadrado, Pizarro, Aquilani, Borja Valero e Toni. In pratica, una formazione nuova di zecca. Il lavoro di Montella è arduo ma in poco tempo l’Aeroplanino non solo trova la quadra ma riesce a proporre un calcio tecnico e spettacolare, mettendo in crisi anche la Juventus campione d’Italia. Al termine del campionato (quello delle polemiche post Siena-Milan, ndr), la Fiorentina arriverà al 4° posto, a un soffio dalla qualificazione alla Champions League…