Milan, è caccia alle streghe: e Gennaro Gattuso è pronto a vestirsi da condottiero

Milan, è iniziata la caccia alle streghe: Vincenzo Montella vede i fantasmi di Gennaro Gattuso, Paulo Sousa e Walter Mazzarri. Ma lui paga per tutti…

chiudi

Caricamento Player...

Nel clima di Halloween il Milan inizia ad avere gli incubi e ognuno vede più concreti i propri mostri. La società continua a essere al centro dell’attenzione mediatica per la presunta instabilità finanziaria, Montella una ne vince e ne troppe ne perde, Fassone e Mirabelli, intoccabili fino a pochi mesi fa, sono ora pesantemente bersagliati da buona parte della tifoseria e da gran parte degli addetti ai lavori che, tanto per rimanere in tema, hanno iniziato una caccia alle streghe per individuare il colpevole di quello che ormai possiamo definire come il flop di inizio stagione. Di certo le aspettative estive hanno caricato eccessivamente l’ambiente, sgretolatosi poi di fronte alle prime difficoltà e ai primi inevitabili errori dell’allenatore.

Ma sbaglia solo Vincenzo Montella…?

La domanda sorge spontanea. Il mercato del Milan è senza dubbio un mercato patrimoniale. Molti giocatori acquistati sono destinati a diventare una plusvalenza per le casse di via Aldo Rossi, ma il problema è che nelle fucine di Milanello tutti erano a caccia della ricetta vincente per (ri)portare il Milan in Champions League da subito, obiettivo fondamentale anche per la stabilità economica del club, e qui ritorniamo al circolo vizioso che sta accompagnando la stagione rossonera. L’impressione è che gli oltre duecento milioni spesi in estate avrebbero potuto portare al Milan qualche giocatore in meno ma almeno un top player in più, quella famosa ciliegina sulla torta annunciata da Fassone e Mirabelli e definitivamente sfumata al momento dell’annuncio del passaggio di Nikola Kalinic al Milan.

VINCENZO MONTELLA Chievo-Milan Live
VINCENZO MONTELLA

No ma pagherà lui…

Insomma, le colpe non sono solo del tecnico ma è evidente, come sempre nel calcio, che alla fine a pagare per tutti sarà lui. A meno che non riesca nell’immediato a salvare le sorti di una stagione già gravemente compromessa. In caso contrario Gennaro Gattuso ha rispolverato la maschera da condottiero, appesa vicino agli scarpini…