Il ministro Franco al Forum Ambrosetti: “Serve che il processo continui al lungo anche sul tasso di occupazione”.

ROMA – Il ministro Franco protagonista del Forum Ambrosetti. Come riportato da La Repubblica, il titolare dell’Economia ha ricordato come l’Italia dovrebbe avere una crescita intorno al 6% in questo 2021, ma per “instradare l’economia su un sentiero di crescita strutturalmente più ampio del passato serve uno sforzo corale altrimenti il Pnrr non basterà a colmare i ritardi che accusiamo rispetto alle altre economie europee”.

Un invito a parte del ministro a tutti i partiti. Il timore è, infatti, di dover fare i conti con la battaglia interna per potersi attestare delle riforme presenti nei loro programmi. Ma sia Franco che Draghi proveranno nelle prossime settimane in vista della prossima manovra a chiedere di camminare tutti uniti per consolidare la ripresa.

Il tasso di occupazione

Anche il tasso di occupazione, come successo per il Pil potrebbe avere una importante crescita in questa seconda parte dell’anno. Ma serve che questo processo duri a lungo per ridurre il gap con la media europea. Per questo motivo il ministro Franco spera di poter dare continuità agli interventi.

L’anno chiave per la ripartenza resta il 2022. Se la crescita sarà confermata, anche sopra le previsioni, la svolta allora ci sarà. Altrimenti si rischia di ritornare al passato e di sprecare questa opportunità.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

soldi euro monete italia
soldi euro monete italia

Il rischio della variante Delta

Ripresa economica che, in questo 2021, potrebbe essere condizionata dalla variante Delta. Il ministro Speranza in un’intervista al Corriere della Sera non ha escluso nuove chiusure in autunno in caso di una nuova pressione importante sui servizi sanitari.

Il premier Draghi, al momento, non valuta la possibilità di ulteriore misure e spera di poter con i vaccini confermare la zona bianca e di conseguenza la ripresa economia del nostro Paese.


Brunetta, “Green pass è passaporto di libertà”

Mazzata sulle bollette, il governo studia i tagli