Morto Mino Raiola, il re dei procuratori del calcio. L’annuncio della famiglia.

Poco fa, il mondo del calcio è rimasto di sasso alla terribile notizia della morte del re dei procuratori: Mino Raiola.
La notizia è stata data dalla famiglia, attraverso il profilo Twitter del procuratore: “Con infinito dolore annunciamo la scomparsa di Mino, il più straordinario procuratore di sempre. Mino ha lottato fino all’ultimo istante con tutte le sue forze proprio come faceva per difendere i calciatori. E ancora una volta ci ha resi orgogliosi di lui, senza nemmeno rendersene conto”, si legge nel post.
L’uomo che ha fatto le fortune di calciatori stellati, come Ibrahimovic, Haaland, Donnarumma, Pogba, Verratti, Mkhitaryan e De Ligt. Ma il rapporto più importante di tutti è certamente quello con la testa calda più discussa d’Italia: il “bad boy” Super Mario Balotelli. Una storia di successo dal sud Italia, il riscatto sociale al suo massimo. Ma la sua morte è realmente avvenuta?

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La notizia e le reazioni

Tutti i maggiori outlet di notizie italiani hanno dato per morto Mino Raiola il 28 aprile 2022. Tanto che la notizia hanno fatto il giro del mondo, arrivando addirittura al Daily Mail. La commozione di tutti i tifosi di calcio del mondo è diventata subito isteria collettiva. Ma si sono registrate anche molte reazioni negative, con tanti utenti che hanno etichettato il procuratore come “il male assoluto del calcio”, con meme e frasi decisamente poco gentili nei confronti di Raiola.

Ibrahimovic Mino Raiola Donnarumma
Mino Raiola

La smentita del 28 Aprile

Ma Raiola è effettivamente morto? Sembra proprio di no. A smentire la fuga di notizie è stato il primario dell’Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione del San Raffaele, Alberto Zangrillo, che ha commentato le voci legate alla dipartita di Mino Raiola con una dichiarazione lapidaria. “Sono indignato dalle telefonate di pseudo giornalisti che speculano sulla vita di un uomo che sta combattendo”.

Le condizioni del procuratore più chiacchierato del mondo, però, non erano buone. Mino Raiola era in gravi condizioni, in quanto stava lottando con dei problemi polmonari da parecchio tempo. Stava ancora lottando come un leone al San Raffaele, dopo che nel mese di gennaio aveva dovuto affrontare un intervento chirurgico, sempre per problemi polmonari.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 30-04-2022


Covid: dove vanno utilizzate le mascherine dall’1 maggio al 15 giugno

Frase choc di Barbareschi: “Il problema è la mafia dei gay”