Contatti continui tra il Psg e Mino Raiola, si studia il piano per portare Donnarumma in Francia a meno di settanta milioni di euro.

Gianluigi Donnarumma si avvicina al Psg. Secondo quanto riportato da Sky Sport, i francesi starebbero continuando a lavorare lontani dalle luci dei riflettori per provare a portare a casa il forte estremo difensore azzurro. Gli uomini di mercato del Psg non avrebbero ancora avuto un contatto diretto con i dirigenti milanisti ma continuano a trattare con Mino Raiola, potente procuratore del talentino rossonero.

Donnarumma al Psg, una storia senza fine

È di fatto dalla scorsa estate che Gianluigi Donnarumma viene accostato al Psg che dal canto suo non ha mai nascosto il suo apprezzamento per l’estremo difensore del Milan. Prima della firma sul rinnovo, Gigio è stato ad un passo dalla Francia, meta gradita a Mino Raiola che si metterebbe in tasca una fetta consistente della torta economica che gira intorno al suo assistito.

Portieri Milan Gianluigi Donnarumma

Il piano di Raiola non cambia: Donnarumma via dal Milan

Già da questa estate Mino Raiola ha dichiarato pubblicamente di non avere fiducia nel progetto del Milan portato avanti da Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli, alfieri italiani del nuovo presidente Yonghong Li. Saltato il trasferimento in Francia anche grazie all’inserimento nella trattativa come Vincenzo Montella, Raiola ha continuato a pianificare con il Psg l’assalto a Donnarumma che partirà probabilmente la prossima estate.

Ma quanto costa Donnarumma?

La domanda che si stanno ponendo in queste ore i tifosi rossoneri è quanto possa costare Gianluigi Donnarumma. Per rispondere a questa domanda bisognerebbe prima capire se esiste o meno la clausola rescissoria nel contratto firmato pochi mesi fa dall’estremo difensore rossonero. Incredibile ma vero…

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
calcio mercato milan mino raiola

ultimo aggiornamento: 11-12-2017


SERIE A TIM: Milan-Bologna 2-1: le pagelle!

Champions League: urna benevola per la Roma. Juve, c’è il Tottenham