Coronavirus in Italia, il monitoraggio Iss del 3 dicembre: Rt in calo, aumentano ancora incidenza e ricoveri.

Il monitoraggio Iss del 3 dicembre conferma un lento ma progressivo peggioramento della situazione epidemiologica in Italia. La buona notizia è rappresentata dal lieve calo dell’indice Rt, che passa a 1,20. L’incidenze sale ulteriormente e arriva a 155. Aumentano anche i ricoveri in area medica e in terapia intensiva.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Coornavirus, il monitoraggio Iss del 3 dicembre

Per quanto riguarda l’indice Rt, il valore passa da 1,23 a 1,20, ancora sopra la soglia epidemica ma in calo rispetto alla settimana precedente. E questo potrebbe indicare un cambiamento di tendenza per quanto riguarda la diffusione del virus in Italia.

Aumenta ancora l’incidenza, che arriva a 155 casi per 100.000 abitanti. La settimana precedente il valore era di 125 casi per 100.000 abitanti. Per quanto riguarda l’incidenza, nella PA di Bolzano siamo a quasi 646 casi ogni 100.000 abitanti. Sopra i 300 casi il Friuli Venezia Giulia, il Veneto e la Valle d’Aosta.

Per quanto riguarda la diffusione del virus e i nuovi casi, l’Iss registra un aumento di contagi non associati a catene di trasmissione. Aumenta inoltre la percentuale di casi individuati attraverso l’attività di screening.

I ricoveri in area medica e in terapia intensiva

Aumentano i ricoveri in area medica e in terapia intensiva. Per quanto riguarda il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva il dato medio a livello nazionale arriva al 7,3% avvicinandosi alla soglia del 10. Il tasso di occupazione dei posti letto in area medica sale invece al 9%, in aumento ma ancora distante dalla soglia massima del 15.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

coronavirus

ultimo aggiornamento: 03-12-2021


Covid, la variante Omicron può reinfettare ma non è chiaro se possa ‘bucare’ i vaccini. Cosa significa

Covid in Italia, Alto Adige in zona Gialla da lunedì